menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il municipio di Mogliano Veneto

Il municipio di Mogliano Veneto

Tares: "A Mogliano a rischio chiusura pizzerie al taglio e fiorerie"

Il Comune di Mogliano Veneto si rivolge all'Associazione Difesa Consumatori contro una tassazione aumentata del 60 % in un anno

MOGLIANO VENETO - Il Comune bussa alla porta dell'Adico (Associazione Difesa Consumatori), per chiedere aiuto contro la Tares, la tassa sui rifiuti. La tariffazione penalizza alcune categorie di esercenti, in particolare le pizzerie al taglio e le fiorerie, che ora rischiano addirittura la chiusura, non potendo sostenere l'onere di una tassazione aumentata del 60% nel giro di un anno. E' la prima volta che un ente pubblico, trovandosi "con le mani legate", si rivolge all'Adico per portare la questione all'attenzione delle Istituzioni.

"Se addirittura un Comune, come ultima spiaggia, ha deciso di giocarsi la carta dell'appello ad un'associazione per la difesa dei consumatori significa che ormai ogni limite di tassazione a carico non solo dei cittadini ma anche di chi gestisce un'attività commerciale è stato superato. L'appello di questi commercianti - dice il presidente dell'Adico, Carlo Garofolini - dà voce alle tante persone che in questo momento rischiano di chiudere baracca e burattini. Senza contare che il peso delle imposte in modo o nell'altro alla fine ricade sempre sulle spalle dei cittadini e delle famiglie, sempre più in difficoltà".

La rappresentante delle pizzerie al taglio di Mogliano, Paola Arrigoni, spiega: "Quest'anno dobbiamo pagare mille e seicento euro di immondizia. E' chiaramente una richiesta esagerata dal momento che produciamo in un mese solo 20 chilogrammi di rifiuto secco. Conferiamo circa 25 sacchi in un anno - conclude - ma paghiamo come se ne producessimo almeno 400. Ancora più paradossale - conclude - è che alla fine dovremo pagare più di una pizzeria con tavoli a sedere".

"La soluzione migliore sarebbe di far pagare ciascuno in base a quanto realmente produce - commenta Giorgio Copparoni, assessore alle Attività Produttive -, quindi con pesatura anziché in base alla quantità media prodotta per unità di superficie, ma il Comune in questo senso purtroppo ha le mani legate. Per questo ci siamo rivolti all'Adico in modo da sensibilizzare l'opinione pubblica sull'argomento".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Amazon, due nuovi depositi di smistamento nella Marca

Auto e moto

Cambio gomme invernali: scatta l'obbligo di montare le estive

social

Domenica 11 aprile: accadde oggi, santo del giorno, oroscopo

Salute

A Monastier il nuovo hub vaccinale anti-Covid per le aziende venete

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento