menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto Twitter scattata dall'utente @inveceoh

Foto Twitter scattata dall'utente @inveceoh

Targhe alterne: ultimo weekend antismog, ma sono in molti a trasgredire

Nell'ultimo sabato di targhe pari molti automobilisti hanno deciso di sfidare il divieto e hanno attraversato il centro di Treviso con una targa irregolare. In diminuzione i controlli

TREVISO Nell'ultimo weekend antismog, sono già tantissimi gli automobilisti che hanno deciso di sfidare l'ordinanza delle targhe alterne, circolando per le vie della città con una targa irregolare.

In molte segnalazioni arrivate in redazione, si nota benissimo come, nella sola giornata di sabato, le targhe pari (cioè quelle autorizzate a circolare) siano quasi inferiori al numero di vetture con una targa dispari. E' il segnale che la cittadinanza non ha rispettato fino in fondo il decreto comunale, rischiando così di vanificare i tentativi di abbassare gli altissimi livelli di smog registrati in città. Un'ordinanza, quella delle targhe alterne, che molti cittadini hanno criticato fin da subito, etichettandola come un'iniziativa utile ad aumentare solo il numero delle multe invece che ad abbassare il livello di polveri sottili nell'aria. A peggiorare le cose nella giornata odierna, si è aggiunto il fatto che molti posti di blocco visti nelle scorse settimane non sono nemmeno stati istituiti, a detta di molte segnalazioni da parte dei cittadini. Con il calo dei controlli, a fine giornata c'è quindi l'impressione che siano stati in molti a farla franca, aggirando il divieto. Solo domenica sera comunque si potrà avere un quadro più dettagliato su un'iniziativa lodevole che continuerà però a portarsi dietro numerose polemiche.

Cblr8miVIAEf29Q-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Giardino

Balconi fioriti: scopri le piante più scenografiche, i migliori vivai

Attualità

«Perchè non è stata vaccinata anche mia moglie?»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento