menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nuova vita per la Tecnigold: ceduta per 10 milioni di euro agli indonesiani di UBS Gold

La procedura competitiva si è conclusa il 23 dicembre scorso: la storica azienda orafa di Borso del Grappa attualmente impiega circa una sessantina di lavoratori che manterranno il posto

BORSO DEL GRAPPA La Tecnigold di Borso del Grappa, importante azienda orafa in crisi da tempo e posta in concordato dal Tribunale di Treviso, passerà nelle mani di Starlight Harmony, società con sede a Hong Kong facente capo a UBS Gold, a sua volta controllata dalla holding della famiglia indonesiana Yahya, con interessi che spaziano dall’oro agli alberghi, dalle compagnie di navigazione al trattamento dei rifiuti. L’aggiudicazione, al termine di una procedura competitiva che ha visto la presentazione di una sola offerta di quasi 10 milioni di euro, si è svolta il 23 dicembre davanti al Giudice Delegato dott.ssa Caterina Passarelli e al commissario dott. Giovanni Francescon. Tecnigold, fondata dalla famiglia Piotto, è stata assistita dall’avvocato Debora Cremasco dello Studio Lambertini & Associati e dal Dott. Riccardo Mosele di Bassano del Grappa. I nuovi acquirenti sono stati rappresentati dal Dott. Pierantonio Scodro. Le parti sottoscriveranno il contratto di cessione entro la scadenza di novanta giorni.

Il Gruppo indonesiano aveva precedentemente rilevato in affitto Tecnigold tramite Sola Grazia, società appositamente costituita in Italia, per assicurare la prosecuzione dell’attività e il mantenimento dei dipendenti. Attualmente l’azienda di Borso del Grappa impiega circa 60 lavoratori.

Tecnigold, fondata nel 1978, è specializzata nella produzione di collane e bracciali in oro. Negli anni l’azienda si era affermata principalmente nei mercati esteri, a cui era destinata quasi la totalità della produzione. Il principale mercato di riferimento è l’Asia (65%), seguita dal Messico. Nel 2010, Tecnigold aveva raggiunto il massimo storico di ricavi, pari a 70 milioni di euro. La crisi congiunturale del settore orafo, che risente in maniera notevole della concorrenza cinese, ha ridotto progressivamente le entrate. Nel 2014 il fatturato si era ridotto a 52 milioni di euro ed erano cresciute le esposizioni verso le banche. Prima di procedere alla richiesta di concordato in continuità, l’azienda aveva avanzato nel 2008 e nel 2012 due piani di risanamento e ristrutturazione del debito. 

Il nuovo piano di sviluppo, rende noto Pierantonio Scodro in rappresentanza della proprietà indonesiana, prevede un’attenta analisi della situazione di mercato e il rilancio del marchio attraverso un ambizioso processo di diversificazione e innovazione del prodotto e dei mercati di riferimento. Tecnigold, tra gli altri obiettivi, punta a riprendersi e ampliare la propria presenza sui mercati del Nord America, a cominciare dagli Stati Uniti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Alimentazione

Il peso cambia da un giorno all'altro, perchè?

Cura della persona

Il taglio capelli dell'estate 2021? È il little bob

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento