Tentata rapina al McDonald's di Ponte San Martino: "Ho risposto a una provocazione"

A processo un 26enne di Feltre che si difende sostenendo di non aver mai voluto prendere l'incasso del fast food: "Per una sigaretta volevano fare un giro con la mia ragazza"

TREVISO Armati di coltello e di due pistole, che poi si sono rivelate essere delle scacciacani, avrebbero tentato di rapinare il Mc Donald’s di corso del Popolo minacciando uno degli addetti alle pulizie che stava chiudendo il locale. Almeno questa è l'accusa che la Procura di Treviso ha mosso contro S.D.D., 26enne feltrino arrestato lo scorso marzo e rilasciato 72 ore dopo assieme alla fidanzata, una 17enne anche lei di Feltre per cui procede il Tribunale dei Minori di Venezia.

Il giovane, difeso dall'avvocato Simone Marian, contesta però la versione degli inquirenti e, chiedendo di essere ascoltato in aula, ha intenzione di dimostrare che non intendeva rapinare proprio nessuno. Secondo la difesa infatti l'episodio incriminato, che risale al 28 marzo scorso, sarebbe soltanto l'epilogo di una lite scoppiata per un apprezzamento alla 17enne. L'imputato sostiene di essersi avvicinato a due addetti alle pulizie del fast food per chiedere una sigaretta. Uno di loro gli avrebbe risposto che gliel'avrebbe data se poteva “fare un giro con la ragazza”. Il 26enne si sarebbe allontanato e poi sarebbe tornato assieme alla 17enne intimando all'addetto alle pulizie di ripetere anche a lei quello che aveva detto. Da quel momento sarebbe iniziata una discussione e i due feltrini avrebbero estratto le pistole e un coltello.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nonostante le armi in pugno, i due vennero costretti a fuggire dai due addetti alle pulizie e da un loro amico, il titolare del vicino kebab. I due fidanzati erano stati bloccati poco distante, in piazza Duca d'Aosta, e arrestati per tentata rapina, lesioni e porto abusivo di armi. Le tre parti offese invece, nei giorni successivi, erano state premiate dal vicario dell'ormai ex questore Tommaso Cacciapaglia con un attestato di compiacimento per aver disarmato e favorito la cattura della coppia.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cade nelle acque del Sile, fugge in treno e lo ritrovano a Bassano

  • Tragedia in A27: perde il carico, scende a recuperarlo ma viene travolto

  • Grandine e vento forte, il maltempo torna a colpire la Marca

  • Male incurabile, il sorriso di mamma Liliana si spegne a 47 anni

  • Tragico schianto col furgone nella notte: 62enne muore a pochi metri da casa

  • Malore fatale, operaio trovato morto in casa a 42 anni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento