Tenta di scassinare una lavanderia self-service nella notte: denunciato un 50enne

L'uomo aveva in tasca vari arnesi da scasso e della marijuana. Denunciato poi anche un 22enne che spacciava compresse di Retrovil in centro città

Al fine di prevenire e contrastare il fenomeno dei reati predatori e di quelli connessi allo spaccio di sostanze stupefacenti, nel periodo estivo è stata disposta dalla Questura di Treviso un’ulteriore intensificazione di servizi straordinari del controllo del territorio. Nella giornata di venerdì, oltre alle pattuglie delle Volanti, i controlli sono stati effettuati dalle pattuglie del Reparto Prevenzione Crimine con diversi posti di controllo a Treviso nella zona nord di Treviso, dove sono stati controllati anche alcuni locali pubblici lungo la Statale Pontebbana. Nell’ambito di questi servizi i poliziotti hanno controllato nelle ultime 24 ore circa 100 persone e, anche grazie al sistema Mercurio, diverse centinaia di autovetture. 

Massima attenzione è stata rivolta al centro di Treviso dove venerdìla Volante ha notato, nei pressi della Riviera Santa Margherita, un giovane già conosciuto alle forze dell’ordine, che, alla vista dei poliziotti, ha iniziato ad agitarsi, provando ad allontanarsi. Visto il suo atteggiamento, gli agenti lo hanno fermato e controllato: lo stesso, che ha continuato a mostrarsi insofferente al controllo, è risultato essere destinatario della misura del divieto di ritorno nel comune di Treviso, nonché essere gravato da numerosi precedenti di polizia per reati contro il patrimonio. Identificato per B.C.I., 22enne italiano, è stato inoltre trovato in possesso di due pastiglie di Retrovil, farmaco da effetti psicotropi del tutto simili all’eroina, se assunto in determinate modalità. 

Il giovane è stato portato in Questura per ulteriori accertamenti e, a seguito di un controllo più approfondito, gli agenti hanno trovato all’interno del portafogli altre 38 compresse di Retrovil. Per questo motivo è stato denunciato per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e per inottemperanza alla misura di prevenzione del divieto di ritorno nel Comune di Treviso. Sempre nel corso della giornata, verso le 02.00, in zona Sant’Angelo, gli uomini delle volanti hanno notato un uomo a volto parzialmente coperto, che stava armeggiando davanti alla porta d’ingresso di una lavanderia self-service. Vista la situazione i poliziotti sono subito intervenuti per sventare il furto bloccando l’uomo che, successivamente, è identificato per A.T., 50enne italiano pluripregiudicato per reati contro il patrimonio. Accompagnato in Questura, i poliziotti hanno rinvenuto e sequestrato, all’interno del marsupio, vari arnesi da scasso e della marijuana. L'uomo è stato denunciato per tentato furto aggravato e detenzione di sostanza stupefacente. I controlli proseguiranno anche nelle prossime settimane.

Potrebbe interessarti

  • Malattia incurabile: direttore dell'Interspar perde la vita a 41 anni

  • Trascinate dalla corrente: due sorelle rischiano di annegare nel Piave

  • Cane abbandonato sotto il ponte di Segusino: trovato il proprietario

  • Infarto fatale, panettiere stroncato a soli 48 anni

I più letti della settimana

  • Morto in mare a Jesolo: indagati due bagnini

  • Autostar vende a prezzo ridotto le auto danneggiate dal maltempo

  • Schianto fatale tra moto e camion: muore un centauro di 27 anni

  • Jesolo: trovato senza vita il ragazzo disperso in mare

  • Gita in pedalò, entra in acqua e non riemerge: disperso un 23enne

  • Esce a tagliare l'erba: operaio del Comune trovato morto in strada

Torna su
TrevisoToday è in caricamento