rotate-mobile
Martedì, 27 Febbraio 2024
Cronaca Gorgo al Monticano

Tragedia di Gorgo, incidente probatorio sulla capacità di Mikele Tatani di stare a processo

Il 19enne, che la notte del 5 marzo era alla guida della Bmw dentro alla quale hanno trovato la morte Eralda Spahillari e Barbara Brotto, sarà oggetto di una perizia che dovrà stabilire le sue condizioni di salute in vista di un eventuale giudizio. La perizia cinematica avverrà invece con la modalità dell'accertamento tecnico irripetibile

Sarà un incidente probatorio a certificare che Mikele Tatani, il 19enne che la notte del 5 marzo, lungo via Sant'Antonino (la strada che collega Motta di Livenza a Gorgo al Monticano) era alla guida della Bmw 420 che si è schiantata a 140 all'ora contro un platano provocando la morte di Eralda Spahillari di 19 anni e Barbara Brotto, 17 anni, non può stare nel processo, eventuale, per duplice omicidio stradale. Indagato è al momento anche il 18enne G.Q., che era al volante della Polo che sarebbe stata superata dalla macchina guidata da Tatani. Nei confronti del 19enne i sanitari dell'ospedale Ca' Foncello di Treviso, dove era ricoverato, hanno sciolto la prognosi e il giovane è stato trasferito all'ospedale di San Vito al Tagliamento. È stata scartata l'ipotesi dell'amputazione di entrambe le gambe che era stata paventata in un primo momento e il ragazzo si trova sotto sedazione in stato di coma indotto.

Intanto è in atto una vera e propria sfida a distanza fra gli avvocati, nominati dal padre cui è stato dato il ruolo di amministratore di sostegno dal tribunale di Pordenone, e la Procura di Treviso. Il pubblico ministero Gabriella Cama ha di fatto respinto la nomina di Damiano Visentin e Cristian Pavan: per il magistrato infatti prima serve la pronuncia del gip di Treviso, che dovrebbe nominare un curatore speciale, in grado non solo di dare mandato ai legali ma anche di scegliere un consulente che partecipi all'accertamento tecnico irripetibile con cui sarà svolta la perizia cinematica e l'analisi dei telefoni sequestrati ai due indagati.

Dal momento che la nomina di questo curatore speciale potrà avvenire solo dopo la perizia sulle condizioni di Tatani (per la quale il consulente della difesa potrà essere nominato dall'avvocato d'ufficio del 19enne) è possibile che l'esame sulla dinamica dell'incidente avvenga prima e che sia ancora il difensore d'ufficio a dover nominare il perito di parte.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tragedia di Gorgo, incidente probatorio sulla capacità di Mikele Tatani di stare a processo

TrevisoToday è in caricamento