rotate-mobile
Giovedì, 22 Febbraio 2024
Cronaca

Denunce "no Vax" contro il governo, Tribunale bloccato

Tra quelle presentate la settimana scorsa e oggi si contano circa 250 querele. Ipotizzati i reati di estorsione, violenza privata e abuso d'ufficio in relazione ai provvedimenti presi recentemente dall'esecutivo

Un lunga fila di persone, tutte arrabbiate, tutte con in mano il prestampato di una denuncia presentata contro il governo italiano e in particolare il premier Mario Draghi. Un centinaio di "no Vax"  hanno letteralmente ingolfato oggi, lunedì 31 gennaio, l'entrata del pubblico in Tribunale per depositare una querela contro i provvvedimenti dell'esecutivo in materia di emergenza sanitaria. In particolare protestano, a colpi di denuncia, contro l'istituzione del vaccino obbligatorio per gli over 50, le misure restrittive della libertà personale di chi non si è vaccinato e l'uso della mascherina. In tutto, fra la settimana scorsa e la mattinata odierna, si contano circa 250 querele, presentate ipotizzando i reati di estersorsione, violenza privata e abuso d'ufficio.

«Tutte azioni - dice il procuratore facente funzioni Massimo De Bortoli - che finiranno in una bolla di sapone. Una volta che le avremo raccolte saranno trasferite a Roma, dove le denunce verranno probabilmente archiviate. Alla fine si tratta di un lavoro in più che dovranno fare i nostri uffici, tra la raccolta delle querele alla loro catalogazione. Sarà richiesto anche un magistrato che le esamini e decide del loro trasferimento per competenza. Una sforzo in più per un ufficio come quello trevigiano che, carente di personale, avrebbe fatto volentieri a meno di queste incombenze». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Denunce "no Vax" contro il governo, Tribunale bloccato

TrevisoToday è in caricamento