Cronaca

Duecento persone al flash mob di solidarietà al popolo afghano

L'appuntamento, organizzato dalla Commissione Pari Opportunità e dal Comune di Treviso, si è svolto domenica 22 agosto in Piazza dei Signori a Treviso. Un occhio particolare è stato rivolto alla condizione delle donne

Una immagine del flash mob svoltosi a Treviso in favore del popolo afghano

Circa 200 persone hanno partecipato domenica 22 agosto, al flash mob organizzato in Piazza dei Signori a Treviso dalla Commissione Pari Opportunità e dal Comune di Treviso (alla manifestazione ha aderito anche la Cisl di Treviso e Belluno) a sostegno del popolo afghano. Una mobilitazione silenziosa nel rispetto di donne, ragazze e bambine che stanno attraversando momenti difficili, di violenza e deprivazione e che vedono il loro domani privo di possibilità nel proprio paese di origine, in cui il potere è stato assunto dai talebani.

Un richiamo è venuto all'occidente e quindi all'Italia per le responsabilità avute in passato a non rassegnarsi alle immagini che provengono dal paese asiatico  Particolare attenzione è stata rivolta alla condizione delle donne, in pericolo di diventare "schiave" per i militanti soprattutto dell'Isis, che secondo fonti giornalistiche sarebbero entrati nella capitale. Al flash mob, che ha visto i partecipanti indossare un indumento bianco, ha partecipato tra gli altri, in rappresentanza  del sindaco Mario Conte, l'assessore Alessandro Manera.

Intanto monta la polemica sulla ospitalità ai tanti profughi provenienti dall'Afghanistan. A innescarla sono state le parole dell'esponente di Coalizione Civica Luigi Calesso. «Conte dica - sostiene Calesso - se si riconosce o no nelle posizioni del responsabile provinciale del suo partito oppure la pensa diversamente, ad esempio come i tanti sindaci italiani che hanno annunciato la disponibilità delle loro amministrazioni a farsi carico del problema».

«Ricordo - ha ricordato l'esponente di Coalizione Civica - che nei giorni scorsi lo stesso  Conte e il Presidente del Consiglio Comunale hanno deciso di esporre la bandiera della città a mezz’asta come segno di condanna per l’annullamento dei diritti delle donne in Afghanistan e questo perché le afghane rischiano di pagare a caro presso il ritorno al potere dei talebani e di vedere compromessa l’emancipazione sociale degli ultimi 20 anni. Con questo gesto, Treviso dice “no” alla violenza, ai soprusi e alla sottomissione».

«Penso - ha concluso Calesso - che questa scelta di solidarietà con il popolo afghano debba trasformarsi in disponibilità all’accoglienza dei rifugiati che da quel Paese stanno già raggiungendo l’Italia e che ancora più numerosi potrebbero presentarsi ai confini dell’Europa se dovessero concretizzarsi le fosche previsioni sul futuro dell’Afghanistan».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Duecento persone al flash mob di solidarietà al popolo afghano

TrevisoToday è in caricamento