rotate-mobile
Lunedì, 23 Maggio 2022
Cronaca

Pestarono due ragazzi in pieno centro, baby gang davanti al giudice

L'aggressione avvenne nei pressi di Piazza Borsa a Treviso il 27 aprile del 2019. A scatenare il branco, composta di immigrati tutti tra i 24 e i 20 anni (più un minorenne che sarà giudicato dal tribunale dei Minori) fu una cassa musicale. Per uno si è arrivati ad una applicazione pena di 1 anno e 8 mesi di reclusione, gli altri sono stati rinviati a giudizio la cui apertura è prevista a giugno del 2023

Un patteggiamento e quattro rinvii a giudizio. Si è conclusa così l'udienza preliminare, davanti al gup Gianluigi Zulian,  a carico di una gang di giovani immigrati africani, magrebini e asiatici, tutti accusati del pestaggio di due giovani trevigiano e anche di estorsione, avendo chiesto dei soldi per riavere una cassa musicale che gli avevano sottratto.

Il 23enne O.E. ha chiuso i conti con un patteggiamento a 1 anno e 8 mesi mentre A.Z., A.K., A.B e W.B., (anche loro 23enni tranne A.K. che ha 26 anni) dovranno affrontare il processo, la cui prima udinenza è stata fissata per il giugno del 2023. Per un sesto ragazzo, che era minorenne, procederà separatamente il tribunale dei minori di Venezia.

I fatti sono accaduti nei pressi di Piazza Borsa, in pieno centro a Treviso. La gang infierì su una coppia di giovani, uno 17enne e l'altro 19enne, con calci e pugni. Motivo dell'aggressione la cassa musicale che i due amici stavano usando. Una delle due vittime dovette ricorrere anche alle cure del pronto soccorso, che mise a referto una prognosi di una settimana per le lesioni.

Le accuse di cui i quattro che sono stati rinviati a giudizio sono - a vario titolo -  di lesioni, rapina, tentata violenza privata ed estorsione per aver chiesto 100 euro in cambio della restituzione della cassa musicale rubata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pestarono due ragazzi in pieno centro, baby gang davanti al giudice

TrevisoToday è in caricamento