menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ascotrade, fondazione di comunità e Ulss 2 uniti contro il gioco d'azzardo

Grazie alla partnership tra i tre soggetti sarà realizzata la prima mappatura, geografica e psicosociale, di tutti gli esercizi in cui sono installate slot machine

PIEVE DI SOLIGO Realizzare una mappatura degli esercizi in cui sono presenti slot machine: questo l’obiettivo del progetto “A che gioco giochiamo?”, ideato dal Dipartimento per le Dipendenze dell’Ulss 2, in sinergia con il Tavolo Interistituzionale del Comitato dei Sindaci del territorio dei 28 Comuni del Distretto di Pieve di Soligo.

 “Si tratta di un’iniziativa estremamente importante – sottolinea il direttore generale dell’Ulss 2, Francesco Benazzi – per la cui realizzazione dobbiamo ringraziare Ascotrade SpA e Fondazione di Comunità Sinistra Piave ONLUS, che hanno deciso di supportare il progetto. Quella che andremo a realizzare sarà la prima “fotografia” completa degli esercizi che, nel territorio del Distretto Pieve di Soligo dell’Ulss 2, ospitano slot machine. La mappatura sarà, oltre che geografica, anche psicosociale: per ogni esercizio, infatti, andremo a rilevare, oltre alla collocazione, anche numero e tipologia delle slot, tipologia dei giocatori, orari di apertura. Ultimo ma non meno importante, la realizzazione della mappatura costituirà un’importante occasione di contatto con i gestori degli esercizi, con cui cercheremo di stabilire una collaborazione al fine di prevenire il gioco d’azzardo patologico”. 

“La Fondazione di Comunità – spiega il presidente, Fiorenzo Fantinel -  ha inteso promuovere questo  progetto e, per quanto possibile, finanziarlo attraverso interventi finalizzati di fundraising, al fine di sensibilizzare  la popolazione e promuovere un contesto culturale che si opponga alla tolleranza del fenomeno del gioco d’azzardo. In particolare, con il coinvolgimento dei gestori nel percorso di mappatura si intende promuovere un’azione di sensibilizzazione e di formazione nella direzione di una partecipazione positiva e costruttiva al benessere della comunità”.

"Con questo progetto sosteniamo una causa importante per il benessere sociale della nostra comunità - afferma Stefano Busolin, presidente di Ascotrade -. Il nostro business è la vendita di gas ed energia elettrica, ma come azienda del territorio abbiamo anche una responsabilità sociale nei confronti dei nostri concittadini, a maggior ragione verso i Comuni dell'area della Sinistra Piave, dove affonda le radici la storia del gruppo Ascopiave. Ringraziamo Ulss 2 Marca Trevigiana e Fondazione di Comunità Sinistra Piave onlus per l'impegno a realizzare questa iniziativa, con la speranza che possa aiutare a monitorare e limitare la diffusione di un fenomeno che in maniera capillare e silenziosa porta sofferenza a molte famiglie".

“Al proliferare dell’offerta di gioco d’azzardo – ricorda Michela Frezza, responsabile del Servizio per le dipendenze del Distretto Pieve di Soligo - si accompagna un sempre maggior numero di giocatori e, tra questi, alcuni sviluppano forme più o meno gravi di dipendenza. Questa forma di dipendenza “senza sostanza”, o comportamentale, provoca danni personali e sociali comparabili, se non addirittura più consistenti, a quelli prodotti dalle dipendenze tradizionali da alcol e droghe. In particolare l’aspetto economico è quello che rende maggiormente evidente questa problematica, con ricadute devastanti per le famiglie”. Il Servizio per le Dipendenze del Distretto Pieve di Soligo dell’Ulss 2 ha attivato, da alcuni anni, un Ambulatorio dedicato al Disturbo da Gioco d’Azzardo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Giardino

Balconi fioriti: scopri le piante più scenografiche, i migliori vivai

Attualità

Malore dopo la vaccinazione, 57enne ricoverato in ospedale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento