menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il bar chiuso dalla polizia

Il bar chiuso dalla polizia

Protestava contro il bar, anziana aggredita: scatta la chiusura per cinque giorni

Provvedimento della sezione amministrativa della Questura di Treviso nei confronti del bar "Da Orazio, il ritorno" nel quartiere di Santa Maria del Rovere. La vittima, così come altri cittadini, aveva più volte richiesto l’intervento delle forze dell’ordine per verifiche sul locale

La Questura di Treviso ha disposto la sospensione della licenza per la somministrazione di alimenti e bevande dell’esercizio pubblico denominato “Bar da Orazio – Il ritorno” di Treviso per motivi di ordine pubblico e di sicurezza dei cittadini, anche con la finalità di impedire, attraverso la temporanea chiusura del locale, il protrarsi di una situazione di pericolosità sociale. Il provvedimento, che prevede la chiusura del locale per cinque giorni, è stato notificato al titolare dell’esercizio commerciale nella giornata di ieri dal personale della Divisione di Polizia Amministrativa e Sociale della Questura di Treviso, a seguito di articolate verifiche ed accertamenti.

Il provvedimento di chiusura è stato adottato dopo un grave episodio di aggressione avvenuto ai danni di un’anziana signora abitante nelle immediate vicinanze del locale. Si è anche accertato che la vittima, così come altri cittadini, aveva più volte richiesto l’intervento delle forze dell’ordine per verifiche sul locale. Durante i controlli svolti dalle pattuglie della polizia era stata riscontrata tra gli avventori la presenza di pericolosi pregiudicati o persone con precedenti penali.

E’ così scattata la misura della sospensione della licenza ai sensi dell’art. 100 del Testo unico delle leggi di pubblica sicurezza, adottata dal Questore, prevista anche nel caso in cui l’esercizio pubblico costituisca ritrovo di persone pericolose o pregiudicate. Il provvedimento non costituisce una sanzione per l’esercizio pubblico, ma è volto solo ad evitare la prosecuzione di una situazione di pericolo per la sicurezza pubblica, a tutela della cittadinanza.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Coniglietto intrappolato nel camino: salvato dai pompieri

  • Eventi

    La lotta alla Mafia di Falcone e Borsellino raccontata da Pietro Grasso

  • Attualità

    Premio “Giuseppe Mazzotti” Juniores: prorogata la scadenza del bando

Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento