menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La splendida Benedetta Mironici

La splendida Benedetta Mironici

Ex miss Padania fermata ubriaca dalla polizia: «Attenti a cosa fate»

L'episodio risale al 2015 e per Benedetta Mironici scattò una denuncia per guida in stato di ebbrezza, rifiuto di fornire le proprie generalità e oltraggio a pubblico ufficiale. L'episodio è finito in tribunale a Treviso

Se l'è cavata con un risarcimento danni di qualche migliaio di euro e una oblazione, chiudendo parzialmente i conti con la giustizia in attesa della sentenza di appello alla condanna a tre mesi di reclusione, con la sospensione della pena, per guida in stato di ebbrezza. Protagonista della vicenda Benedetta Mironici, la 35enne ex Miss Padania del 2007, che qualche mese fa aveva patteggiato 1 anno di reclusione  per furto e ricettazione.

La donna era stata fermata da una pattuglia della polizia durante un controllo a Treviso nel maggio del 2015. Trovata positiva all'alcol test (con un valore di circa 1) si era rifiutata di fornire le proprie generalità e aveva apostrofato gli agenti con frasi del tipo "attenti a quello che dite, attenti a cosa fate, io conosco un responsabile della Polizia Stradale, vi faccio vedere io". Ed era scattata la denuncia per guida in stato di ebbrezza, rifiuto di fornire le proprie generalità e oltraggio a pubblico ufficiale.

Questa mattina in tribunale a Treviso c'è stata la prima udienza del processo a suo carico, conclusasi con l'estinzione del reato di oltraggio dato che la donna ha risarcito sia i due agenti di polizia che l'avevano fermata che la Questura di Treviso. Il reato relativo al rifiuto di fornire le proprie generalità è stato oblato. Nel 2017 Benedetta Mironici era già stata processata per la guida in stato di ebbrezza e aveva ricevuto una condanna a 3 mesi. Il giudice, in ossequio al principio per cui non si può essere processati due volte per gli stessi fatti, ha disposto un rinvio al prossimo ottobre in attesa dell'esito dell'appello presentato dal legale della donna, l'avvocato Renato Alberini del Foro di Venezia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Zaia: «Veneto rischia di tornare in zona arancione»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento