rotate-mobile
Mercoledì, 1 Febbraio 2023

Nel 2022 record di multe per divieto di sosta in città (24mila), parte l'operazione "quartieri sicuri"

Presentato il bilancio dell'attività della polizia locale di Treviso. Spiccano le 55mila sanzioni per eccesso di velocità mentre sono in leggero aumento i verbali per violazioni alla Ztl. Stoccata del sindaco Mario Conte a De Nardi: «La campagna elettorale non si fa sulla sicurezza, Treviso non è Caracas»

Boom di multe per eccesso di velocità (quasi 55mila ma la maggior parte dovute ai velox presenti in tangenziale) ma soprattutto per divieto di sosta in città: erano 15.111 nel 2021 e sono salite a quota 23.998 dello scorso anno. Un aumento vertiginoso che  non è dovuto solamente alla scarsa disciplina dei trevigiani ma anche all'aumento di turisti che giungono da fuori città. Sono i numeri certamente più significativi del bilancio stilato dalla polizia locale di Treviso in occasione del Santo Patrono, San Sebastiano. Nell'occasione il comandante Andrea Gallo ed il sindaco Mario Conte, snocciolando i numeri relativi al 2022, hanno annunciato l'avvio di una nuova stretta sui controlli soprattutto nelle periferie. «Nel 2023 puntiamo a mantenere questi livelli qualitativi e quantitativi e ad implementare ulteriormente alcuni servizi» ha spiegato sindaco di Treviso Mario Conte. «Il primo gennaio siamo partiti con l’operazione “quartieri sicuri” che prevede controlli a tappeto su tutto il territorio comunale in orario notturno e diurno, grazie al raddoppio delle pattuglie serali. A differenza del 2022, il servizio verrà garantito tutti i giorni e non solo nel fine settimana». Si partirà dalla zona di Sant'Angelo. Nei prossimi mesi saranno installate ulteriori telecamere e targasystem sul territorio comunale, ad allargare una rete di occhi elettronici sempre più capillare, mentre sarà attivo nei primi giorni di febbraio un photored all'altezza del sottopasso ferroviario di via Piave, varco in cui spesso pedoni e ciclisti rischiano di essere travolti da automobilisti indisciplinati. L'organico attuale del comando può contare su un centinaio di effettivi, tra cui una decina di amministrativi: a breve sarà annunciato un nuovo concorso per assumere due nuovi ufficiali, per sopperire ai recenti pensionamenti. A margine della conferenza stampa il comandante ha raccontato un aneddoto, risalente a tre mesi fa che dimostra il legame di sempre maggiore collaborazione che si è instaurato con i giovani.

«Gli agenti che dialogano con i ragazzi ai giardinetti» ha raccontato Gallo «ci hanno detto che c'era una macchina parcheggiata vicino alla stazione degli autobus che nascondeva della marijuana e grazie alle informazioni di questi ragazzi siamo andati a fare questa perquisizione/ispezione e in effetti il cane (Luke ndr) ha trovato della droga sotto l'auto. Questo grazie all'informazione e al dialogo che c'è tra agenti e ragazzi».

Non è mancato un riferimento del sindaco Mario Conte all'attacco all'amministrazione comunale da parte del candidato del centrosinistra Giorgio De Nardi proprio sul tema sicurezza. «Vedo delle dichiarazioni che sono totalmente fuorvianti e non rappresentano la nostra città» ha detto «ricordo che stiamo parlando della polizia locale di Treviso e non stiamo parlando di Caracas. Vogliamo fare campagna elettorale? Facciamola, guardiamo i numeri reali. Dopo di che se vogliamo infangare il nome di una città e sminuire l'operato non solo della polizia locale ma anche delle altre forze dell'ordine, della Prefettura e anche dei cittadini. Ricordo che la sicurezza passa innanzitutto da un atteggiamento dei nostri cittadini».

La conferenza stampa-5

In un anno 41.200 interventi

Tra i dati più rilevanti, il volume degli interventi gestiti dalla centrale operativa, 41.200, e delle ore di filmati tratte dai sistemi di videosorveglianza per le indagini di Polizia Giudiziaria, 6200 nel 2022 (contro le 5900 nel 2021 e 4300 nel 2020). Particolare attenzione è stata inoltre rivolta alla tutela del territorio e al rispetto dell’ambiente con 144 sopralluoghi contro i 103 del 2021 e i 136 del 2020. Il Nucleo di Polizia Giudiziaria ha registrato 187 indagati (166 nel 2021 e 167 nel 2020), 52 segnalati (96 nel 2021 e 37 nel 2020), 10 arresti (6 nel 2021 e 5 nel 2020) e 5 attivazioni del “codice rosso”.

Via Roma la più controllata nel 2022

Sono stati potenziati anche i servizi nelle zone in cui in passato si sono verificate situazioni di degrado: 396 sono i controlli in Piazza Borsa (contro i 273 del 2020 e i 116 del 2021), 316 in via Zorzetto (131 nel 2020 e 142 nel 2021), 85 in vicolo Orioli (361 nel 2021 e 52 nel 2020), 138 in via Bindoni (140 nel 2021 e 100 nel 2020), 527 in via Fiumicelli (53 nel 2021 e 161 nel 2020), 830 in via Toniolo (812 nel 2021 e 744 nel 2020), 299 in via Pisa (334 nel 2021 e 260 nel 2020), 1063 in via Roma (792 nel 2021 e 464 nel 2020).

Centrale operativa

Le telefonate ricevute dalla centrale operativa sono 33.700, 135 sono gli incidenti ricostruiti grazie alle telecamere di videosorveglianza, 6200 le ore di filmati estratti per le indagini di PG. I servizi appiedati sono stati 2261 (699 nel 2021 e 2154 nel 2020), 5340 quelli in moto (5110 nel 2021 e 4648 nel 2020). Le segnalazioni per i controlli di vicinato sono state 918. Il Laboratorio Falsi Documentali ha effettuato 69 controlli su documenti: 61 sono risultati falsi e 3 originali.

Nucleo Tutela del Territorio

Per quanto riguarda le verifiche su illeciti ambientali, è aumentato il numero dei controlli, 144 contro i 103 del 2021 e i 136 del 2020. Due sono i procedimenti avviati per sanzioni amministrative edilizie.  Nel 2022 sono state elevate 12 sanzioni penali (5 nel 2021 e 2 nel 2020) e sono state ricevute 8 notizie di reato (4 nel 2021 e 2 nel 2020). Otto persone sono state sottoposte a indagini (5 nel 2021 e 2 nel 2020).

Per quanto riguarda le violazioni del codice della strada sono state elevate 99.152 sanzioni: oltre a quelle per divieto di sosta e alta velocità, 55 per semafori, 80 per guida senza cintura (contro le 32 del 2021 e le 50 del 2020), 312 per utilizzo dello smartphone alla guida (174 nel 2021 e 226 nel 2020), 65 per guida in stato di ebbrezza (51 nel 2021 e 49 nel 2020), 97 per violazione della copertura assicurativa (93 nel 2021 e 89 nel 2020), 610 per violazioni relative alla revisione (263 nel 2021 e 66 nel 2020) e 9788 violazioni ZTL (8479 nel 2021 e 8433 nel 2020). Sono 426 i sinistri rilevati dal Comando di Treviso, in aumento rispetto ai 421 del 2021 e i 311 del 2020. In 325 casi ci sono stati dei feriti. Sei gli incidenti mortali.

I droni, la sicurezza dall'alto

Il 2022 è stato altresì l'anno che ha visto il riconoscimento dei droni del Comando (prima Polizia Locale in Italia a ricevere l’attestazione) come velivoli di Stato, messi a disposizione per garantire al meglio la sicurezza urbana e la pubblica sicurezza in caso di richiesta da parte delle forze di Polizia.

Gallo: «Aumentati i servizi a piedi e in bici»

«Si chiude un anno che ha visto un ulteriore aumento dei volumi di lavoro per il controllo - in primis della sicurezza urbana - con un aumento sensibile dei servizi appiedati passati da 699 del 2021 a 2261 grazie alla riorganizzazione del personale del Nucleo di Contatto Urbano che, privilegiando spostamenti più dinamici grazie alle bici elettriche, è riuscito a incrementare notevolmente tali servizi», spiega il comandante della Polizia Locale, Andrea Gallo. «Anche i quartieri sono stati al centro delle attività del Comando con un totale di 7556 interventi e servizi contro i 6890 del 2021 e 6103 del 2020: questo a dimostrazione dell’impegno nel tenere alta l’attenzione su tutto il territorio comunale». «Desidero ringraziare il comandante Andrea Gallo» ha sottolineato il sindaco di Treviso, Mario Conte «e tutti gli agenti e gli operatori del Comando per la professionalità, l’impegno e la presenza, anche in occasione dei grandi eventi e delle rassegne ospitate in Città. La nostra Polizia Locale è diventata negli anni un modello replicato anche in altri Comuni, da nord a sud, per formazione e tecnologie utilizzate».

Video popolari

Nel 2022 record di multe per divieto di sosta in città (24mila), parte l'operazione "quartieri sicuri"

TrevisoToday è in caricamento