menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Treviso candidata a diventare capitale della cultura 2020: la proposta della Lega Nord

Depositata in consiglio comunale una mozione firmata da Mario Conte e Giancarlo Iannicelli: "E' un'occasione per creare un grande progetto culturale che coinvolga tutti, piccole e grandi realtà"

TREVISO La Liga Veneta Lega Nord ha depositato in Consiglio comunale a Treviso una mozione con la quale chiede alla Giunta di candidare Treviso a capitale italiana della cultura per il 2020. “Lo abbiamo fatto - dicono i consiglieri comunali Mario Conte e Giancarlo Iannicelli - perché è l’occasione per creare un grande progetto culturale che coinvolga tutti, piccole e grandi realtà: un sistema capace di attrarre grandi investimenti e grandi operatori della cultura a Treviso. Dopo Mantova, Pistoia e Palermo -continuano i consiglieri leghisti - crediamo che il riconoscimento possa cadere su un capoluogo veneto”.Indubbi i vantaggi per la città vincitrice.

“Ad essa -precisano i consiglieri Conte e Iannicelli - verrà assegnato un contributo di 1 milione di euro dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo e l'esclusione delle risorse investite nella realizzazione del progetto dal vincolo del patto di stabilità”. I rappresentanti della Lega vogliono che il progetto nasca nelle commissioni consiliari e a tal fine propongono di “udire le realtà culturali presenti in Città, prima di redigere il progetto con cui partecipare”. La proposta nasce dalla volontà della Lega Nord di creare un sistema-cultura a Treviso che viva a prescindere dalle grandi mostre.

Le grandi mostre sono un’ottima opportunità per Treviso ed è bene che ci siano ma -concludono i consiglieri - non possiamo come città d’arte capoluogo di provincia vivere nell’attesa che il grande evento arrivi, altrimenti è il deserto. Treviso capitale italiana della cultura è una suggestione che non lascia indifferenti anche se le cose non dovessero andare in porto, perché un progetto culturale articolato e dettagliato Treviso ancora non lo ha.”

Alla proposta aderisce anche il consigliere regionale Riccardo Barbisan che assicura: “Come la Regione del Veneto ha sostenuto il dossier di Montebelluna altrettanto faremo per Treviso se dovesse arrivare alla fase finale. Treviso – a detta di Barbisan- avrebbe le potenzialità per estendere i benefici di questo riconoscimento a tutto l’hinterland, coinvolgendo così un’area di quasi 200.000 abitanti”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Giardino

Balconi fioriti: scopri le piante più scenografiche, i migliori vivai

Attualità

«Perchè non è stata vaccinata anche mia moglie?»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento