menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Santone della comunità nigeriana arrestato dalla squadra mobile di Treviso

A finire in cella un operaio 42enne che viveva da qualche tempo nella Marca. E' accusato di favoreggiamento dell'immigrazione clandestina e prostituzione ed estorsioni con l’imposizione agli affiliati del versamento di somme di denaro

Gli agenti della squadra mobile di Treviso hanno arrestato nei giorni scorsi M.P.O.B.O., magazziniere nigeriano di 42 anni, residente a Quinto di Treviso, regolare in Italia. Lo straniero era destinatario di un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Tribunale di Torino.

Lìafricano, esponente del gruppo criminale “EIYE” composto da numerosissimi suoi connazionali tra cui altri 14 destinatari di analogo provvedimento, avrebbe commesso numerosi delitti, in particolare contro la persona, opponendosi e scontrandosi con gruppi rivali per il predominio della comunità nigeriana, delitti in materia di immigrazione clandestina e prostituzione, estorsioni con l’imposizione agli affiliati del versamento di somme di denaro.

L’arrestato è ritenuto responsabile di lesioni aggravate in concorso ed esercizio abusivo della professione medica in quanto all’interno della propria comunità era considerato un “santone con poteri di cura”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Casa

Ammoniaca vs Candeggina: chi uccide meglio i germi?

Attualità

Roncade: messo in vendita il centro commerciale Arsenale

social

Tre pasticcerie trevigiane in sfida a Cake Star

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Meteo

    Caldo anomalo nella Marca: «Da sabato temperature in calo»

  • Aziende

    «Positiva la scelta di istituire un ministero per la disabilità»

Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento