Sant'Angelo: dopo un mese dal crollo di calcinacci ancora transennato il cavalcavia

La segnalazione di alcuni lettori che vivono nel quartiere trevigiano: "Comune e Veneto Strade si rimbalzano la responsabilità e così nessuno fa nulla"

TREVISO Sono trascorsi 25 giorni dalla serata del 2 luglio quando, dal cavalcavia tra strada di Sant'Angelo e la tangenziale di Treviso precipitarono dei calcinacci. Dopo un sopralluogo da parte di polizia locale e Veneto Strade, venne transennato il percorso pedonale sottostante il cavalcavia e il vicino parcheggio. Non la circolazione delle auto che restò, come pure oggi, regolare. Nessuno insomma ha fatto nulla. A segnalare questo immobilismo sono stati alcuni lettori residenti nel quartiere. "Comune e Veneto Strade si rimbalzano la responsabilità e così nessuno fa nulla": ci scrive un cittadino che riferisce di aver già chiesto lumi sia a Ca' Sugana che alla società.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trovata cadavere Rosanna Sapori, giornalista «scomoda» del Nordest

  • Tragedia da "Ciao bei": aiuto cuoco muore per un malore

  • Detrazioni fiscali: tracciabilità obbligatoria per le spese del 2020

  • Cadavere affiora dal Monticano, è il corpo di Marco Dal Ben

  • Diabete e retinopatia, il prof. Bandello: "Siamo all'avanguardia, ma ancora pochi screening"

  • Chiudono "Rosa e Baffo" e pub "Rosa": piazza di Bonisiolo deserta

Torna su
TrevisoToday è in caricamento