menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rischio alluvioni sulla Marca: decretata la chiusura di tutte le scuole per lunedì

Troppo pericolosa la situazione nella provincia di Treviso: a rischio allagamenti sia strade che ferrovie. Istituti chiusi anche a Vicenza e Belluno, a Venezia prolungato invece l'orario

A seguito dei ripetuti Avvisi di Criticità idrogeologica ed Idraulica emessi dalla regione Veneto, domenica è stato attivato dal Prefetto alle ore 13 il Centro Coordinamento Soccorsi (C.C.S.) presso la Sala Operativa di Protezione Civile del Comando dei Vigili del Fuoco di Treviso. Tenuto conto del preannunciato peggioramento delle condizioni meteo e della dichiarazione della fase operativa di ALLARME, dalle ore 14.30 di domenica fino alle ore 24 del 30/10/2018, per criticità idraulica della rete principale ed idrogeologica, nel territorio dei Comuni ricompresi nelle circoscrizioni Vene-H, Vene-B, e per criticità idraulica della rete principale nelle circoscrizioni Vene-E, Vene-F, Vene-G, il Prefetto ha adottato l’ordinanza di chiusura di tutte le scuole di ogni ordine e grado del comune di Treviso e di tutta la Provincia, comprese le Università, per la giornata di lunedì 29 ottobre ed ha sollecitato l’apertura dei C.O.C., che dovranno essere mantenuti operativi fino a martedì notte.

Inoltre, a tutte le componenti del sistema provinciale di protezione civile è stata richiesta massima attenzione ed il costante monitoraggio della situazione, specie nei punti che, sulla base delle pianificazioni comunali di emergenza, sono maggiormente a rischio. Si segnala che l’ANAS ha già disposto la chiusura del Ponte della Priula, sul fiume Piave, con l’attivazione della viabilità alternativa. Per avere tempestivi aggiornamenti sulle condizioni meteorologiche è consultabile il sito: https://www.regione.veneto.it/web/protezione-civile/cfd dove sono presenti i bollettini di nowcasting emanati dal Centro Funzionale Decentrato della Regione Veneto. Ulteriori informazioni sulle cautele da adottare in situazioni critiche sono disponibili sul sito: https://iononrischio.protezionecivile.it/alluvione/materiali-informativi.

La stessa decisione è stata poi presa anche per Belluno e Vicenza, mentre a Venezia le scuole prolungheranno l'orario, poiché il momento clou delle precipitazioni è previsto tra le ore 12 e le 14. Tra le esigenze primarie vi è quella di limitare gli spostamenti e lasciare libere le strade per agevolare eventuali interventi di emergenza o di soccorso. Nel frattempo sono quasi 16 mila i volontari potenzialmente mobilitabili dalla Protezione civile regionale che, con l'Unità di crisi istituita sabato dal Presidente Zaia e coordinata dall'Assessore allAmbiente, Gianpaolo Bottacin, sta affrontando l'emergenza maltempo sul Veneto. Al momento, nel solo bellunese, sono attivi oltre 250 volontari mentre sono stati messi in preallerta gruppi di tutto il Veneto, in modo particolare le unità formate per fronteggiare il rischio idrogelogico. Si tratta di gruppi particolarmente attrezzati con macchine movimento terra, imbarcazioni, gruppi elettrogeni e idrovore. Allertate anche tutte le unità subacquee. Lo comunica l''Unità di crisi della Protezione Civile regionale.

f08d541d-b299-4f92-9e49-034ec9a95a50-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Zaia: «Veneto rischia di tornare in zona arancione»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento