rotate-mobile
Lunedì, 28 Novembre 2022
Cronaca

Lavorare anche fuori dalla sede, il Comune vara lo smart working

La prestazione di “lavoro agile” sarà eseguita dal dipendente direttamente da casa o da altro luogo ritenuto idoneo, con il supporto di tecnologie dell’informazione e della comunicazione

TREVISO Approvata stamattina dalla Giunta un'importante delibera che prevede la possibilità per alcuni dipendenti di usufruire del cosiddetto “lavoro agile” (“smart working”), che permette di eseguire prestazioni e servizi anche al di fuori della sede di lavoro. Verranno inizialmente attivati a livello sperimentale alcuni progetti che coinvolgeranno quattro dipendenti comunali dei Settori Polizia Locale, Affari generali e Servizio Protocollo (n. 2 dipendenti); Biblioteche e Musei (n. 1 dipendente); Finanza e Risorse Umane (n. 1 dipendente). I progetti partiranno il 1° gennaio 2018 e avranno una durata di 6 mesi.

La prestazione di “lavoro agile” sarà eseguita dal dipendente direttamente da casa o da altro luogo ritenuto idoneo, con il supporto di tecnologie dell’informazione e della comunicazione. La durata della prestazione lavorativa a domicilio tiene conto delle esigenze organizzative del servizio a cui è assegnato il dipendente. Nella prima fase sperimentale la prestazione lavorativa sarà limitata a una fascia oraria non superiore alle 6 ore settimanali (corrispondenti a due rientri pomeridiani o a un’intera giornata della settimana, la cui prestazione lavorativa sia di 6 ore).

“Dopo aver favorito la possibilità di accedere al lavoro part-time, un altro passo è stato fatto da questa Amministrazione verso una migliore conciliazione dei tempi da dedicare al lavoro e alla famiglia – dichiara l’Assessore al personale Roberto Grigoletto che ora convocherà le Organizzazioni Sindacali - è una delle richieste formulate anche dalla Commissione Pari opportunità, che personalmente ho condiviso fin da subito”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lavorare anche fuori dalla sede, il Comune vara lo smart working

TrevisoToday è in caricamento