menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Mancato controllo sul biogas, direttore di Contarina a processo

Nel 2014 i referti relativi alla centrale di Paese non furono consegnati entro i termini di legge. Nei confronti di Michele Rasera, difeso dall'avvocato Fadalti, era stato emesso un decreto penale di condanna a cui si è opposto

Mancati controlli sui biogas che venivano bruciati per la produzione di energia elettrica e mancata trasmissione delle matrici ambientali relative al materiale in discarica. Sono queste le accuse che hanno portato a processo il direttore di Contarina Spa Michele Rasera, indagato dalla Procura di Treviso nella sua qualità di legale rappresentante della società che si occupa della gestione del ciclo dei rifiuti nel bacino Priula.

La vicenda, che risale al 2015, ha preso avvio a seguito di una diffida inviata dal Servizio Ecologia della Provincia di Treviso, inviata proprio a Contarina e in cui venivano contestati  mancati controlli sulla qualità ambientale della ex discarica 2la Fossa" di Castagnole di Paese. Secondo la Procura di Treviso Contarina avrebbe omesso di consegnare alla Provincia le misurazioni sulle matrici ambientali della ex discarica nei termini fissati dalla normativa e non avrebbe svolto o comunque non avrebbe trasmesso i risultati relativi ai i controlli semestrali sui biogas diversi dal metano.

A seguito della vicenda Rasera era stato condannato (con decreto penale) a 2 mila euro. Assistitito dall'avvocato Luigi Fadalti il direttore di Contarina ha però fatto opposizione e così il procedimento è approdato al processo immediato. Nel periodo a cui fanno riferimento i fatti (le misurazioni sono relative al 2014) della ex discarica "La Fossa" di Castagnole si occupava una società privata, la  "Marco Polo", poi fallita un anno fa. Ma la gestione della discarica di rifiuto non pericoloso era formalmente in carico a Contarina Spa. E la diffida della Provincia viene inviata per conoscenza anche al Comune di Paese e alla Procura di Treviso, che ha fatto fa scattare le indagini.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Zaia: «Veneto rischia di tornare in zona arancione»

Alimentazione

Dinner cancelling la dieta di Fiorello: come funziona

Aziende

Migliori parrucchieri d'Italia: ecco i trevigiani al top

social

Le voci più belle del Festival di Sanremo sono venete

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento