rotate-mobile
Cronaca Paese

Doveva essere in quarantena, sorpreso per strada dai carabinieri

Nei guai un 66enne che è stato sorpreso dai militari a Paese durante un controllo. Sanzionato anche un 25enne che utilizzava il green pass di un parente; per lui scatterà anche una denuncia per sostituzione di persona

Giro di vite dei carabinieri del comando provinciale di Treviso sul "green pass". Due persone sono state denunciate all'autorità giudiziaria: il primo è un 66enne trevigiano, "pizzicato", nella giornata di ieri, per strada, dai militari dell'Arma nel centro di Paese, nonostante lo stesso fosse sottoposto a quarantena e quindi soggetto a divieto assoluto di allontanarsi dalla propria abitazione.

Sempre nella giornata di ieri, 8 dicembre, in serata, all'esito di un controllo degli avventori presenti all'interno di un esercizio pubblico di Villorba, i carabinieri della locale Stazione hanno identificato un 25enne, già noto alla giustizia, sprovvisto di "green pass". Gli operanti hanno verificato, tuttavia, nella circostanza, che in precedenza l'uomo aveva mostrato all'addetta all'esercizio un'attestazione effettivamente presente sul proprio telefono cellulare ma che è stato verificato essere quella di un parente del medesimo. Per il giovane, oltre alla sanzione amministrativa per il mancato possesso del "green pass" (400 euro) scattera' la denuncia penale per sostituzione di persona.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Doveva essere in quarantena, sorpreso per strada dai carabinieri

TrevisoToday è in caricamento