Cronaca

In una settimana 700 multe della polstrada, 120 per alta velocità

Controlli straordinari dal 16 al 22 settembre. Ben 86 verbali per il mancato uso delle cinture di sicurezza mentre sono ben 45 i conducenti “pizzicati” ancora ad utilizzare il telefono cellulare durante la guida

In una settimana, dal 16 al 22 settembre, sono state inflitte dalla polizia stradale di Treviso la bellezza (si fa per dire) di 700 multe (lo stesso numero delle vetture fermate per essere controllate), cento al giorno. E' il principale risultato della campagna "Focus on the road" a cui il comando provinciale di Treviso ha partecipato con ben 94 pattuglie.

Il giro di vita della polstrada è un vero e proprio bollettino di guerra per i trevigiani indisciplinati alla guida. Tra le multe ben 120 sono quelle inerenti il superamento dei limiti di velocità, rilevate con le apparecchiature speciali, 86 quelle attinenti il mancato uso delle cinture di sicurezza mentre sono ben 45 i conducenti “pizzicati” ancora ad utilizzare il telefono cellulare durante la guida - principale causa di distrazione e prima causa di incidenti stradali.

Non sono mancati i controlli ai mezzi industriali con oltre 70 le violazioni attinenti l’eccedenza di carico. Il superamento del peso massimo consentito, è una condotta pericolosa in quanto comporta l’aumento dello spazio di arresto dello stesso veicolo. Oltre 50 le violazioni riguardanti il superamento dei tempi di guida massima consentita. Anche alcuni autisti professionali sono stati sanzionati per il mancato uso delle cinture di sicurezza e per l’uso del telefono cellulare durante la guida.

Sette le patenti ritirate per guida in stato di ebbrezza da abuso di sostante alcoliche. Per quanto attiene l’infortunistica, 8 gli incidenti rilevati, 5 con lesioni e 3 con danni, in netto ribasso rispetto ai complessivi 21 (17 con lesioni e 4 con danni) rilevati nell’analogo periodo dell’anno scorso.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In una settimana 700 multe della polstrada, 120 per alta velocità

TrevisoToday è in caricamento