Ordinanza Anti-Covid rispettata a Treviso, centro storico deserto

La polizia locale rileva un 80% di presenza in meno rispetto a domenica scorsa. I cittadini hanno rispettato i dettami del governatore Luca Zaia, evitando assembramenti

Il centro di Treviso deserto

Una prova di grande civiltà ed educazione civica quella data dai trevigiani in questa giornata di domenica, 15 novembre. Il centro storico, diversamente da domenica scorsa, era semiserto: la polizia locale ha calcolato un calo di presenze in centro storico e lungo la Restera di circa l'80%. Ciò si evince molto chiaramente anche dalle immagini delle telecamere di videosorveglianza della città.

Non ci sono state sanzioni di nessun tipo. «Tutti si sono comportati seguendo le regole, quei pochi che si trovavano in giro»: ha sottolineato Andrea Gallo, comandante della polizia locale di Treviso. Sono state iidentificate dai vigili una trentina di persone ma tutte avevano giustificato motivo per camminare in città.

Ci sono state due segnalazioni a carico di altrettanti bar, uno in centro storico e uno in periferia, per situazioni di assembramento: quando le pattuglie sono intervenute tutto era in perfetta regola con i clienti seduti regolarmente ai tavoli, indossando la mascherina.

I dati del contagio di domenica: 25 ricoverati in terapia intensiva

Dal Bollettino di Azienda Zero, di domenica 15 novembre, i nuovi contagiati nella Marca sono stati 543 (11.455 i positivi attualmente) mentre non risultano nuove vittime (sono state 343 finora). Sono 35 i ricoverati in terapia intensiva: 15 a Treviso, 5 di Conegliano, 3 a Vittorio Veneto, 2 a Montebelluna. In area non critica: 107 a Vittorio Veneto, 105 a Montebelluna, 92 al Ca' Foncello di Treviso, 26 al Ca' Foncello di Treviso, 19 a Conegliano, 3 a Motta di Livenza, 1 a Oderzo. Negli ospedali di comunità: 17 a Treviso e 22 a Vittorio Veneto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Remo Sernagiotto ricoverato al Ca' Foncello: «Condizioni disperate»

  • Cocaina e marijuana in casa, brigadiere dei carabinieri in manette

  • Malore improvviso al rifugio: 62enne muore tra le braccia della compagna

  • Covid, Zaia: «I dati in Veneto sono buoni, non meritiamo la zona arancione»

  • Pooh, nuovo disco dopo la morte di D'Orazio: «Le canzoni della nostra storia»

  • Se n'é andata Paola Maiorana, voce storica delle radio private trevigiane

Torna su
TrevisoToday è in caricamento