Cronotachigrafo "truccato" e mezzo sovraccarico: camionista stangato

Nella mattinata di mercoledì una pattuglia della polstrada di Treviso ha ordinato l'alt ad un camion sloveno che viaggiava lungo la tangenziale in direzione di Ponte di Piave. Multa di oltre 2mila euro. Scoperto anche dispositivo per alterare i dati sulle emissioni inquinanti

Un controllo della polizia stradale

Duemila euro di multa per aver "truccato" il cronotachigrafo installato a bordo del proprio camion che viaggiava peraltro sovraccarico e con installato un dispositivo per alterare i valori delle emissioni inquinanti. Questa la maxi-sanzione inflitta da una pattuglia della polizia stradale di Treviso nei confronti di un autotrasportatore sloveno fermato mercoledì scorso, in mattinata mentre stava percorrendo con il suo mezzo pesante lungo la Tangenziale di Treviso, in direzione di Ponte di Piave. L'autotrasportatore è finito nella rete dei controlli della polstrada per controllare vengano rispettate le misure di contenimento del contagio da epidemia del Coronavirus.

L'alt e il controllo

L’attenta ed approfondita attività di controllo, evidenziata delle anomalie dei dati del tachigrafo digitale, dove vengono registrati i tempi di guida e di riposo del conducente, ha permesso di verificarne la manomissione. Il veicolo pesante, condotto da un cittadino straniero, veniva scortato presso un’autofficina specializzata per una verifica più approfondita, che permetteva di constatare l’effettiva manomissione del cronotachigrafo digitale in modo tale da impostare l’attività di riposo nonostante il veicolo fosse in movimento. Inoltre veniva anche rilevata l’installazione di una “centralina elettronica – emulatore impianto AdBlue” (AdBlue è un marchio registrato utilizzato nella riduzione
selettiva catalitica – SCR per ridurre le emissioni degli ossidi di azoto dai gas di scarico prodotti dai veicoli dotati di motore diesel fino al 90%), che simula i dati inviati alla centralina del sistema SCR modificandone il funzionamento prescritto da regolamenti e norme. Oltre a queste violazioni, il veicolo commerciale circolava anche in eccedenza di carico. Entrambi i dispositivi venivano disinstallati dal mezzo e sottoposti a sequestro per ulteriori accertamenti.

La multa salata e le conseguenze

Al conducente del veicolo ed al titolare della ditta venivano contestate violazioni amministrative per un ammontare di 2mila euro circa. Il veicolo commerciale veniva ripristinato e dotato di dispositivi a norma di legge a spese del proprietario. Per tali alterazioni, il conducente poteva rimanere alla guida del veicolo pesante senza rispettare i tempi di riposo e le pause necessarie per garantire una guida in condizioni psicofisiche ottimali, continuando a circolare costituendo un grave pericolo per la circolazione stradale, nonché in concorrenza sleale nei confronti degli altri autotrasportatori che circolano nel rispetto della normativa. La manomissione dei dispositivi installati sui mezzi pesanti non è purtroppo un caso isolato ma un “modus operandi”, che viene posto in essere anche in questo frangente in cui le strade risultano sicuramente più scorrevoli.

Incidente e traffico, crollo verticale

Si informa che nel primo trimestre 2020 rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente questo Ufficio registra un decremento degli incidenti stradali pari a 163 nel 2020 e 214 nel 2019. Le vittime degli incidenti stradali con esito mortale sono scese da 8 a 6, mentre i feriti sono passati da 130 a 106. Gli incidenti con soli danni sono scesi da 76 a 55. Nel periodo oggetto di limitazione alla circolazione per la nota vicenda COVID-19, ossia dal giorno 08.03.2020, questa Sezione Polizia Stradale ha rilevato ben 13 incidenti stradali dei quali 9 con persone ferite e n.4 con soli danni ai mezzi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Neve e vento forte, scatta l'allerta meteo in Veneto

  • Natale e Capodanno: trovato il modo per festeggiare

  • Covid, nuova ordinanza di Zaia: «Riapriamo i negozi di medie e grandi dimensioni al sabato»

  • Una settimana di agonia dopo il malore, morto Remo Sernagiotto

  • Festa in casa con 42 persone, vicini chiamano i carabinieri

  • Festa nel locale con 120 persone: blitz di polizia, polizia locale e carabinieri

Torna su
TrevisoToday è in caricamento