rotate-mobile
Giovedì, 2 Dicembre 2021
Cronaca

Consegna un assegno scoperto al gioielliere, Daniele Grespan ancora nei guai

Il 63enne, a processo per truffa nei confronti di Lorenzo Bernardi, nel 2016 avrebbe saldato il debito da 15 mila euro contratto con la "Giraldo" di Treviso per l'acquisto di un Rolex Daytona in oro con un titolo tratto su un conto corrente estinto

Dodici mesi dopo avere "piazzato" il colpo di cui sarebbe rimasto vittima anche Lollo Bernardi, l'ex campionissimo della Sisley Treviso, Daniele Graspan avrebbe "gabbato" anche un nota gioielleria trevigiana per l'acquisto di un Rolex. E' questo il motivo per cui il 63enne trevigiano ma residente al Silea si trova ancora a processo, di fronte al giudice Umberto Donà, per rispondere del reato di truffa ai danni della "Giraldo", cui deve 15 mila euro dopo aver comperato "a rate" un orologio "Daytona", in oro Everose.

Secondo l'accusa Grespan, che in passato avrebbe avuto rapporti commerciali con la gioielleria e con i cui proprietari era entrato in confidenza, avrebbe concordato l'acquisto dell'orologio, del valore di 20 mila euro. Dopo vari solleciti il 63enne avrebbe versato alla Giraldo la cifra di 5 mila euro a titolo di anticipo, rassicurando che a breve avrebbe saldato l'intera cifra. Poi, adducendo a scusa il ritardo su fantomatici incassi, avrebbe cercato di guadagnare altro tempo prima di presentarsi ai gioiellieri e dare loro un assegno di 15 mila euro per chiudere l'acquisto. Peccato però che il titolo fosse scoperto, tratto su un conto corrente che era stato chiuso. E ai Giraldo, che si erano fidati, non è rimasta altra strada che fare denuncia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Consegna un assegno scoperto al gioielliere, Daniele Grespan ancora nei guai

TrevisoToday è in caricamento