menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Blitz della polizia in parrocchia: minorenni con dosi di droga nei pacchetti di sigarette

Controllo giovedì pomeriggio nel quartiere di San Lazzaro con tre giovani portati in Questura e denunciati. I vigili scoprono un nascondiglio di droga nei pressi di curva Bricito grazie alle segnalazioni dei residenti: nei guai un profugo-pusher 21enne

TREVISO Tre giovanissimi, un marocchino di 17 anni e due trevigiani, entrambi di 15 anni, sono stati denunciati dalla polizia per detenzione di sostanze stupefacenti. Gli agenti delle volanti, nel corso del pomeriggio di giovedì, hanno controllato le zone di maggiore aggregazione di giovani: in zona San Lazzaro, i poliziotti si sono insospettiti nel vedere un gruppo di una decina di ragazzi che stazionavano in un giardino nei pressi della parrocchia. Al momento del controllo, tre di questi sono risultati in possesso di sostanza stupefacente, marijuana e hashish, contenuta in alcuni pacchetti di sigarette. Poco distante, gli agenti hanno notato un narghilè pronto all’uso e diversi sacchetti con autochiusura di colore verde. I tre sono stati accompagnati in Questura per ulteriori accertamenti e denunciati per detenzione ai fini spaccio di sostanze stupefacenti. Dopo le operazioni di rito, i minori sono stati riaffidati ai rispettivi genitori.

Giovedì pomeriggio operazione antidroga anche degli agenti del nucleo di polizia giudiziaria della polizia locale di Treviso. L'intervento dei vigili è dovuto alle segnalazioni di alcuni trevigiani che avevano notato alcuni movimenti sospetti nell’area dei giardinetti sotto le mura cittadine all’altezza di curva Bricito. Gli agenti hanno fermato un cittadino nigeriano, I.O., 21 anni, senza fissa dimora ma già noto alle forze dell’ordine, sorpreso a recuperare alcune dosi di stupefacente sotterrate in precedenza vicino ad un cespuglio (16 dosi di marijuana per un totale di 25 grammi circa). Il giovane richiedente asilo, già ospite in un centro di accoglienza, è stato portato al Comando di via Castello d'Amore dove è stato denunciato per detenzione di sostanze stupefacenti ai fini dello spaccio. Il sindaco di Treviso Mario Conte ha accolto la notizia con grande soddisfazione: «Ringrazio gli agenti della Polizia Locale per l’ottimo lavoro e l’impegno quotidiano nella repressione di questi fenomeni», le parole del primo cittadino. «Come Amministrazione metteremo in campo tutte le nostre energie per combattere lo spaccio a Treviso. I cittadini, e lo testimoniano le segnalazioni giunte alla Polizia Locale, non vogliono più vedere certi personaggi intenti a nascondere e vendere droga».

POLIZIA LOCALE TREVISO-4

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Zaia: «Veneto rischia di tornare in zona arancione»

Alimentazione

Dinner cancelling la dieta di Fiorello: come funziona

Aziende

Migliori parrucchieri d'Italia: ecco i trevigiani al top

social

Le voci più belle del Festival di Sanremo sono venete

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento