rotate-mobile
Cronaca

Droga nei salotti della "Treviso Bene", chiesti 15 mesi per un 40enne

E' la condanna invocata dalla pubblica accusa al processo che vede sul banco degli accusati un 41enne di Noale che avrebbe ceduto dosi di cocaina e marijuana a una clientela del capoluogo. La Procura ha chiesto invece l'assoluzione per l'estorsione ai danni di debitore che non avrebbe pagato alcune dosi

Assoluzione per il reato di estorsione, 1 anno e 3 mesi in vece per le cessioni di cocaina e marijuana che si sarebbero concretizzate all'interno di locali pubblici a Treviso. Sono queste le richieste della Procura al termine dell'arringa nel processo a L.P, un 41enne di Noale. L'uomo è accusato di aver venduto lo stupefacente nel corso di festini in appartamenti privati e presso club e sale da ballo a una clientela composta anche da persone fra i 20 e i 40 anni.

Sarebbe stato un vero e proprio fiume di "povere bianca" quello che scorreva tra la "Treviso Bene": dosi scambiate all'interno di almeno tre appartamenti (uno in Piazza del Grano, l'altro in Via Biscaro e in via San Francesco) messe a disposizione di giovani come anche di consumatori abituali più maturi. La "roba", di cui al momento non è nota la quantità, veniva offerta a circa 60 euro il mezzo grammo.

Nel corso del procedimento al 40enne (difeso dall'avvocato Francesco Burighel) sono sfilati i testimoni dell'accusa, tutti giovani, tra i 25 e i 30 anni, che hanno riconosciuto in L.P. (figlio di una nota famiglia di salumieri veneziana) quello che avrebbe ceduto le dosi, messe peraltro in bella mostra nel corso dei "party": strisce già pronte, predisposte in un piatto, o anche dosi che i consumatori più giovani, hanno detto oggi in aula, potevano acquistare da lui nel corso delle feste o direttamente a casa sua.

L'estorsione per cui l'accusa ha chiesto il proscioglimento sarebbe stata relativa ad una missione punitiva nei confronti di un cliente che doveva 200 euro per l'acquisto della droga. Nella circostanza L.P. avrebbe anche importunato la fidanzata del debitore. La sentenza sarà pronunciata il 30 settembre.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Droga nei salotti della "Treviso Bene", chiesti 15 mesi per un 40enne

TrevisoToday è in caricamento