menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Esame dettato via auricolare: denunciati due studenti di 25 anni

Ecco come truccavano le prove. Un micro auricolare, un ricevitore Bluetooth e un telefonino. Il "kit" del copiatore faceva parte del "pacchetto": 50 euro per passare Procedura civile

PADOVA Si era vantata con i compagni di corso di avere trovato uno stratagemma per superare l'esame di Procedura civile, uno degli ostacoli più ardui nel percorso universitario della scuola di Giurisprudenza: per 50 euro, un coetaneo le avrebbe dettato le risposte ai quesiti durante il compito, con l'ausilio di un auricolare "a pallino", senza cavo, praticamente "invisibile".

L'intenzione, certo non ammirevole, deve avere fatto il giro tra gli studenti, fino ad arrivare, come si suol dire, alle orecchie "sbagliate": qualcuno, evidentemente stufo di queste "facilitazioni a pagamento", ha deciso di porvi la parola fine. A quanto pare, infatti, non si tratterebbe del primo espisodio di questo genere: nei mesi scorsi, altri laureandi sarebbero stati "beccati" con degli auricolari durante lo svolgimento delle prove, tanto da indurre la Scuola di Legge dell'università di Padova a presentare un esposto in Procura, per segnalare non solo la presenza di studenti che copiano durante le sessioni, ma anche la verosimile esistenza di qualcuno che, previo pagamento, fornisce ai laureandi le risposte ai quesiti dei test. 

Ebbene, a distanza di alcuni mesi da quell'esposto, sulla scrivania del preside di Giurisprudenza, Daniele Corletto, è arrivata una lettera da parte di alcuni iscritti alla sua Scuola, nella quale si faceva espresso riferimento a dei "suggeritori a pagamento". Non solo, nella missiva veniva fatto il nome della persona che, il venerdì successivo, durante la prova, avrebbe fatto uso del "pacchetto" di copiatura.

Ne è scaturita una seconda segnalazione alla Procura da parte del preside della Scuola, sfociata in un blitz della polizia. All'esame di venerdì 13 maggio, si sono presentati alcuni agenti della squadra Mobile in borghese, fingendo di dover sostenere anch'essi la prova. Sapendo già su quale ragazza concentrare i controlli, hanno seguito l'appello e poi la giovane fino ad una delle due aule in cui si sarebbe svolto il test. Al termine dell'esame, i poliziotti hanno estratto un decreto di perquisizione già pronto, con il quale hanno proceduto a perquisire la studentessa.

 Si tratta di una veneta di 25 anni. La ragazza è stata trovata in possesso di un micro auricolare all'orecchio, di un ricevitore Bluetooth ad induzione agganciato ad una collana, e di un telefonino nascosto sotto gli abiti. Il "kit" è stato sequestrato e la giovane è stata portata in Questura per essere interrogata. Non c'è voluto molto per arrivare anche al nome del "suggeritore", un altro veneto, sempre di 25 anni. Il ragazzo ha passato le risposte alla coetanea da una postazione allestita nell'appartamento della studentessa, che si trova in centro a Padova.

Per la giovane è scattata una denuncia per alterazione di prova d'esame, reato regolamentato dalla legge sul plagio. Il ragazzo che le ha dettato l'esame, invece, è stato denunciato per lo stesso reato, nonché per falso ideologico commesso dal privato in atto pubblico e per truffa.

Sono in corso ulteriori indagini volte a verificare l'eventuale coinvolgimento di altre persone. L'inchiesta intende far luce anche su episodi analoghi che si sarebbero verificati in passato.

"Aspettiamo che la Procura svolga le indagini su quanto successo e poi, oltre alle eventuali conseguenze penali, porteremo il caso davanti alla Commissione disciplinare d’Ateneo - lo ha dichiarato Daniela Mapelli, prorettore alla Didattica dell’università di Padova, in merito al caso degli esami copiati alla scuola di Giurisprudenza - dal canto nostro, al momento, possiamo esprimere la soddisfazione di vedere la collaborazione dei nostri studenti. Da loro è venuta infatti la segnalazione di quanto sarebbe successo: segno evidente che c’è la voglia di giocarsi parte del proprio futuro correttamente, alla pari. Ed è questo l’animo della quasi totalità degli studenti che studiano nel nostro ateneo".

 "Per quanto riguarda la vicenda emersa - precisa Mapelli - si tratta di un fenomeno su cui avevamo già posto la nostra attenzione da qualche mese. Abbiamo infatti avuto una segnalazione generica, arrivata al presidente del Consiglio della scuola di Giurisprudenza, il professor Daniele Corletto, lo scorso dicembre. Segnalazione che abbiamo messo nero su bianco con un esposto alla Procura della Repubblica, così come fatto qualche giorno fa, quando è arrivata un’altra lettera, firmata da alcuni studenti, che ci segnalava un possibile caso di copiatura per un esame che si sarebbe svolto qualche giorno dopo. Ed è in quell’occasione che alcuni poliziotti in borghese hanno svolto la loro attività accertativa. Al termine dello svolgimento delle indagini, qualora venisse appurato quanto pare, cioè l’effettiva copiatura attraverso l’uso di auricolari, ci attiveremo subito nelle sedi di Ateneo".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cura della persona

Il taglio capelli dell'estate 2021? È il little bob

Giardino

Balconi fioriti: scopri le piante più scenografiche, i migliori vivai

Ultime di Oggi
  • Incidenti stradali

    Schianto tra due moto e un'automobile: morto un centauro 25enne

  • Cronaca

    Lutto a Follina, l'alpino Mario Naibo è andato avanti

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento