rotate-mobile
Cronaca

Giro di fatture false, camorrista sarà giudicato in abbreviato

Tommaso Pizzo, 58 anni, secondo le ipotesi della Procura di Treviso era il braccio operativo di Luigi Marcuzzo, fiscalista di Oderzo, per la costruzione di falsi documenti contabili

«Io con le fatture false non c'entro, le ha fatte Marcuzzo a mia insaputa». E' questa la tesi difensiva di Tommaso Pizzo, l'uomo che, secondo le ipotesi della Procura di Treviso, sarebbe stato "il braccio operativo" del giro di fatture false organizzato da Luigi Marcuzzo, 72enne fiscalista di Oderzo, a sua volta a processo per gli stessi fatti. L'uomo sarebbe dovuto comparire oggi per la prima udienza del processo, che è però stato rimandato a maggio del 2023, quando Pizzo sarà giudicato con il rito abbreviato

58 anni, siciliano ma al tempo residente a Zero Branco, Tommaso Pizzo è noto a Treviso per essere il responsabile del finto allarme bomba scattato al Tribunale nel giugno 2014 quando, per fermare la vendita giudiziaria della sua casa, aveva effettuato una chiamata anonima informando della presenza di un pacco esplosivo all’interno del palazzo di giustizia. Beccato e processato gli era stata inflitta una condanna a 5 mesi di reclusione.

L'uomo, attualmente agli arresti domicilari in Sicilia dove sconta la condanna per associazione a delinquere di stampo camorrista per essere stato un "associato" al clan dei Casalesi che operava nella Venezia Orientale, ha presentato anche la propria costituzione come parte civile nel procedimento ai danni di Marcuzzo, accusato di aver sfruttato Pizzo e tre delle sue aziende (nell'ipotesi della Procura di Treviso si sarebbe trattato in realtà di "cartiere") per redigere, fino al 2017, fatture false che sarebbero servite a suoi clienti - hanno patteggiato in tre - per abbattere l'imponibile e generare costi fasulli.

«Le firme su quei documenti - ha detto Pizzo - non sono mie. Marcuzzo seguiva i miei affari e io mi fidavo di lui. Evidentemente è stata una fiducia mal riposta». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giro di fatture false, camorrista sarà giudicato in abbreviato

TrevisoToday è in caricamento