Insulti al professore del figlio per una nota disciplinare, madre condannata

Dovrà pagare un decreto penale di condanna di 3700 euro. L'episodio era avvenuto nell'aprile del 2015 all'istituto Giorgi di Treviso. Inutili i tentativi di mediazione

TREVISO Quindici giorni di reclusione convertiti in un decreto penale di condanna che prevede il pagamento di una multa di 3.700 euro. E' costato caro ad una donna trevigiana un insulto proferito nell'aprile del 2015 nei confronti di un professore dell'istituto Giorgi che si è rivolta al Tribunale di Treviso e qualche giorno fa ha vinto la sua battaglia. L'episodio è riportato dal quotidiano La Tribuna di Treviso.

L'insegnante era stato bersaglio di un “vaffa” durante un normale colloquio con la madre di di uno studente: la donna non accettava che il figlio avesse ricevuto dal docente alcune note disciplinari. Il professore, con oltre 35 anni di carriera, aveva presentato querela per offesa a pubblico ufficiale attraverso il proprio legale, Alessandra Gemin, e alla sceneggiata della donna avevano assistito anche alcuni testimoni. Prima si era tentata la strada del dialogo, attraverso il dirigente scolastico ma la madre dello studente, a cui sarebbe bastata una lettera di scuse per evitare la denuncia, non ha indietreggiato di un centimetro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, c'è la prima vittima a Treviso: è una donna di 75 anni

  • Lascia un biglietto d'addio poi si toglie la vita a soli 39 anni

  • Malore fatale al lavoro: padre di due bambini muore a 31 anni

  • Trovata morta nella culla a soli 5 mesi: addio alla piccola Azzurra

  • Operaio con febbre alta: «Ero a Vo'». Dipendenti tutti a casa alla "Breton"

  • Coronavirus a Treviso, 12 persone positive al tampone: scatta l'isolamento

Torna su
TrevisoToday è in caricamento