rotate-mobile
Cronaca

Corruzione, trasferiti da Treviso i due finanzieri indagati

Il capitano Stefano Arrighi ed il luogotenente Biagio Freni, tornati in servizio dopo l'arresto, sono stati assegnati rispettivamente ai comandi provinciali di Bologna e Ferrara

TREVISO Rimessi in libertà dopo essere stati arrestati per corruzione e tornati in servizio poche settimane dopo (su decisione, molto discussa , del giudice Angelo Mascolo), ora è scattato il trasferimento dal comando provinciale della Guardia di Finanza di Treviso per chiara incompatibilità ambientale. Questo il provvedimento, già nell'aria da tempo, preso nei confronti del capitano Stefano Arrighi e del luogotenente Biagio Freni, assegnati rispettivamente ai comandi provinciali delle fiamme gialle di Bologna e Ferrara. L'ufficiale ed il sottoufficiale sono accusati di aver "addomesticato" una verifica fiscale nei confronti dell'imprenditore di Ponte di Piave Andrea Ongetta, in cambio di due orologi da 5.650 euro l'uno. Anche lo stesso Ongetta venne arrestato e posto ai domiciliari.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Corruzione, trasferiti da Treviso i due finanzieri indagati

TrevisoToday è in caricamento