menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Le nomadi immortalate da una telecamera nella zona di viale Luzzatti, a Treviso

Le nomadi immortalate da una telecamera nella zona di viale Luzzatti, a Treviso

Avevano rubato regali di Natale per 20mila euro: ladre incastrate

Il colpo era avvenuto all'interno di un'abitazione di viale Luzzatti, a Treviso. Fondamentale per identificare le responsabili del furto, due nomadi di Portogruaro, l'analisi delle telecamere di videosorveglianza e la testimonianza di alcuni anziani clienti di un bar della zona

Qualche giorno prima di Natale erano riuscite a penetrare all'interno di un'appartamento di viale Luzzatti, a pochi passi dal centro storico di Treviso, e avevano fatto man bassa di gioielli e regali, posizionati sotto l'albero e pronti per essere regalati ai propri figlioletti, tra cui molto vestiario. In tutto il valore della refurtiva ammontava a oltre 20mila euro. Il padrone di casa, un cittadino albanese da tempo residente a Treviso, si rivolse subito alla polizia, fornendo foto di tutto il materiale trafugato, buona parte del quale acquistato su Amazon in vista del Natale che lui e la sua famiglia si apprestavano a trascorrere in patria. Gli investigatori della squadra mobile di Treviso, coordinati dal dirigente Claudio Di Paola, sono riusciti nell'arco di poche settimane a dare un un nome ed un volto ai responsabili del furto. Si tratta di due ragazze, con una lunga sfilza di precedenti, entrambe residenti nel campo nomadi di Portogruaro, in via Lago: J.E., 23 anni e già in cella per scontare un'altra pena, e M.V., 19 anni, al momento irreperibile.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Fondamentale nell'indagine condotta dalla Questura di Treviso è stata l'analisi, attenta, delle immagini delle telecamere di videosorveglianza presenti nella zona: nei video sono state immortalate chiaramente le due malviventi, vestite come due normalissime giovani trevigiane e dunque non distinguibili in nessun modo. Importante per arrivare alle ladre è stato anche l'apporto di alcuni anziani frequentatori di un bar della zona che hanno notato una Mercedes Classe A di colore nero che si era aggirata frequentemente nei paraggi nei giorni precedenti al Natale (giornate in cui la zona era stata peraltro bersagliata dai furti). Seguendo la traccia del veicolo, pedinato in più occasioni dagli agenti, gli investigatori sono giunti al campo nomadi di Portogruaro e dunque alla 23enne e alle 19enne. Nel corso di una perquisizione la polizia ha recuperato parte della refurtiva (era nascosta nella roulotte in cui vive il marito di una delle due nomadi) che è stata così resa ai proprietari. Trovati anche i vestiti usati da una delle ladre per mettere a segno il furto a Treviso.

WhatsApp Image 2020-01-16 at 12.40.23-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Aeroporto Canova, Ryanair annuncia la programmazione estiva

Attualità

Decreto riaperture, la bozza: «Il coprifuoco resta alle 22»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento