Ladro si intrufola nel negozio "Spiga d'oro", casse razziate

Un ignoto malvivente, travisato con tuta, berretto e occhiali, è entrato all'interno attraverso una porta antipanico sul retro dell'attività di viale della Repubblica a Treviso. Il blitz, interamente immortalato dalle telecamere di videosorveglianza, è avvenuto poco dopo le 23

La zona caffetteria della "Spiga d'oro"

Furto nella tarda serata di giovedì all'interno del negozio e bar bio "Spiga d'Oro" di viale della Repubblica a Treviso. Un ancora ignoto ladro, travisato con tuta, berretto e occhiali, è entrato all'interno dell'attività attraverso una porta antipanico: razziate le varie casse presenti da cui è stato preso il fondocassa, per una somma di circa mille euro. Il blitz, interamente immortalato dalle telecamere di videosorveglianza, è avvenuto poco dopo le 23. Misteriosamente il sistema d'allarme non è entrato in funzione. Il malvivente ha rischiato però di essere scoperto da una guardia giurata che proprio durante il furto era impegnata in un giro di controllo. «Guardando le immagini delle telecamere si capiva che si trattava di uno sprovveduto -spiega Corrado Vendraminetto, presidente della "Spiga d'Oro"- è evidente che il ladro, quando è arrivata la guardia giurata, ha tenvato di nascondersi». Sull'episodio indagano ora i carabinieri di Treviso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scopre di avere un tumore, maestra d'asilo muore 5 giorni dopo

  • Trovata in casa senza vita: albergatrice trevigiana muore a 63 anni

  • Travolto dal suo furgone mentre lo sta caricando, muore ambulante

  • Si era dato fuoco di fronte al "Per Bacco", muore dopo cinque giorni di agonia

  • Aneurisma fatale, muore dopo due mesi in ospedale: era appena diventato papà

  • Maltempo, sui social insulti contro i veneti alluvionati: «Ben vi sta»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento