Treviso: la gastroenterologia italiana presenta le piu’ recenti novita’ della ricerca

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrevisoToday

Treviso, 24 novembre 2015 – L’Associazione Italiana Gastroenterologi ed endoscopisti Ospedalieri (AIGO) organizza a Treviso dal 26 al 28 novembre il suo annuale appuntamento in cui saranno presentate le più recenti innovazioni della ricerca e la loro applicabilità clinica nelle malattie infiammatorie, metaboliche e tumorali dell’apparato digerente: tra i temi di maggior attualità di cui si parlerà il rischio di tumore a cui sono soggette le persone che soffrono di celiachia, come si possono combattere non solo le malattie ma anche l’invecchiamento attraverso l’alimentazione e l’efficacia dimostrata dai nuovi farmaci antivirali nel riuscire a debellare l’epatite C in oltre il 90% dei pazienti.

Inoltre, sono disponibili i dati di uno studio realizzato su 600.000 pazienti in Veneto che ha mostrato come lo screening può ridurre del 25% la mortalità per tumore del colon retto.  

Al convegno, in programma a Treviso dal 26 al 28 novembre, parteciperanno 150 gastroenterologi da tutta Italia per aggiornamenti sulle applicazioni diagnostiche e terapeutiche avanzate nelle patologie dell’apparato digerente.

I temi evidenziati nel Corso sottolineano come l’apparato digerente sia l’interfaccia diretta del nostro corpo con alimenti che possono condizionare non solo malattie a forte impatto sociale come la celiachia, il fegato grasso e ma anche i meccanismi implicati nell’invecchiamento cellulare. Come AIGO ha già sottolineato nel corso di incontri per il pubblico che ha organizzato nel corso di Expo Milano 2015, una adeguata educazione alimentare, l’utilizzo di cibi e sostanze naturali per ottenere un sano stile di vita sono supportate ormai da solide basi di ricerca sia sperimentale che umana, al punto che devono far parte della buona pratica clinica in gastroenterologia.

L’Associazione Italiana Gastroenterologi ed endoscopisti digestivi Ospedalieri (AIGO) raccoglie da quarantacinque anni gli esperti di gastroenterologia ed endoscopia digestiva che operano negli istituti ospedalieri italiani. Suoi obiettivi sono la tutela della disciplina e dei suoi specialisti e la promozione della conoscenza, della prevenzione, della cura e della riabilitazione delle malattie gastroenterologiche. Fondata a Roma nel 1969, l’associazione riunisce oggi 2000 associati provenienti da tutte le regioni italiane.

Torna su
TrevisoToday è in caricamento