menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Un condominio

Un condominio

Amministratore di condominio infedele, il buco di allarga: 39enne di nuovo a processo

A trascinare Giorgio Campagner nuovamente davanti al giudice, per rispondere di appropriazione indebita, ancora una volta i residenti della palazzina "Hesperia" che si trova proprio davanti alla chiesa Votiva

Nuovi guai giudiziari per Giorgio Campagner, il 39enne ex amministratore di condominio che nel luglio del 2016 aveva patteggiato una pena di 6 mesi di reclusione e 400 euro di multa (sospesa) per appropriazione indebita ai danni dei condomini del condominio Hesperia di via Don Mazza a Treviso. A trascinarlo nuovamente davanti al giudice, per rispondere peraltro dello stesso reato, ancora una volta i residenti della palazzina che si trova proprio davanti alla Chiesa Votiva. Oltre ai 33mila euro per i quali aveva patteggiato, l'uomo è infatti accusato ora di essersi intascato altri 30 mila euro circa, versati regolarmente dai condomini per il pagamento delle spese e delle utenze e che Campagner si sarebbe invece tenuto per sé.

A far scoprire gli ammanchi dal conto comune, relativi al periodo tra il 2012 e il 2013, era stata la sospensione del gas da riscaldamento causata da una serie di fatture finite in insoluti. Al tempo dei fatti il 39enne era titolare della “Amministrazioni immobiliari Campagner geometra Giorgio” di piazza Tomasini. L'erogazione del gas era stata sospesa dal giorno alla notte. Quando i condomini hanno voluto capire che cosa fosse successo hanno trovato nella contabilità tenuta da Campagner pezze giustificative con le quali l'amministratore prelevava denaro dal conto condominiale per saldare fatture di bollette del gas e elettriche a cui però non corrispondevano  effettivi pagamenti. Campagner era stato quindi rimosso dal suo incarico e contro di lui erano scattate le denunce penali e le richieste di risarcimento in sede civile. Nel mentre però i condòmini erano stati costretti a sanare, temporaneamente, il buco per riavere le forniture.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Zaia: «Veneto rischia di tornare in zona arancione»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento