Truffa delle monete antiche, negoziante trevigiano raggirato

I due criminali R.F. e R.M., legati da vincoli di parentela, provenienti dal centro Italia, raccontavano solitamente alle proprie vittime che le inestimabili monete erano state tramandate da generazioni

Gli investigatori della squadra mobile della Questura hanno denunciato alla locale Procura della Repubblica di Treviso due uomini di etnia nomade, i quali da giorni imperversavano in città nel tentativo di commettere truffe. La loro abilità criminale consisteva nel proporre in vendita monete antiche, scambiando, al momento della conclusione del presunto “affare”, i pezzi autentici con quelli falsi. I truffatori, vecchie conoscenze delle forze dell’ordine erano inizialmente riusciti a frodare un commerciante del settore che successivamente li ha denunciati in Questura.

I due criminali R.F. e R.M., legati da vincoli di parentela, provenienti dal centro Italia, raccontavano solitamente alle proprie vittime che le inestimabili monete erano state tramandate da generazioni. Tali motivazioni avevano permesso loro di ricavare la somma di 2mila euro pagati da un collezionista numismatico. I due malfattori sono stati rintracciati e denunciati all’Autorità Giudiziaria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trovata in casa senza vita: albergatrice trevigiana muore a 63 anni

  • Schianto contro un camion, dichiarata la morte cerebrale del 17enne

  • Allarme rosso per il livello del Piave: ordinati gli sgomberi delle golene

  • Maltempo, sui social insulti contro i veneti alluvionati: «Ben vi sta»

  • La ghiacciaia: il bistrot realizzato in un bunker della Grande Guerra

  • Esplode una granata nel garage di casa, 19enne trasportato in ospedale

Torna su
TrevisoToday è in caricamento