Controlli della polizia stradale durante l'Home Festival, 27 patenti ritirate

Ben 21 automobilisti fermati per tassi alcolemici fuori norma tra cui un giovane pizzicato con 2,5 g/l. Centinaia di partecipanti all'evento in coda per essere sottoposti al precursore e salvare la licenza di guida. Tre persone positive al test anti-droga

TREVISO Ben 27 patenti di guida ritirate, tra cui 21 per guida in stato di ebrezza (17 uomini e 4 donne) e ben 14 nella sola nottata tra sabato e domenica. Sono questi solo alcuni dei risultati emersi dopo i controlli svolti dalla polizia stradale di Treviso (impiegate ben 65 pattuglie e 140 poliziotti), durante lo scorso week end, lungo le strade di accesso e deflusso dell'area della Dogana, in cui si è svolto l'Home Festival.

Imponenti i controlli che hanno riguardato complessivamente oltre 700 persone alla guida (tutti controllati con precursore per l'alcolemia) ed altrettanti veicoli. Non di certo confortante il bilancio dei controlli visto e considerato che sono state contestate complessivamente oltre 200 violazioni del C.d.S. con la decurtazione di oltre 450 punti della patente contestando circa 100.000 Euro di sanzioni complessive di cui circa 25.000 Euro per le sole  sanzioni amministrative. Tra queste si segnala in particolare, oltre a 25 contestazioni relative al mancato uso delle cinture di sicurezza, 4 contestazioni relative all’utilizzo del telefono cellulare alla guida, il ritiro di 27 patenti di guida e 3 carte di circolazione.

In particolare, nonostante la massiccia presenza di pattuglie all’uscita dei parcheggi che di certo non invitavano a guidare in condizioni di alterazione, sono state ben 21 le patenti ritirate per guida in stato di ebrezza alcolica (17 gli uomini e 4 le donne) la maggior parte delle quali penalmente rilevanti (15 di cui 13 uomini e 2 donne). Solo nelle notti tra venerdi e sabato e tra sabato e domenica, sono stati 14 i conducenti che si sono messi alla guida in  stato di ebbrezza (12 uomini e 2 donne), 11 dei quali con tassi superiori a  0,8 g/l e, dunque, penalmente rilevanti (10 uomini 1 donna). Uno dei citati conducenti, oltre all'alterazione alcolemica, è stato anche trovato in possesso di una modica quantità di presumibile sostanza stupefacente e, dunque sottoposto alla contestazione di cui all’art. 75 del D.P.R. 309/90 con tutte le conseguenze del caso sia con riferimento alle sanzioni amministrative sia con riferimento alle procedure di revisione della patente.

Sempre nell'ambito dei citati controlli è capitato anche il controllo di un conducente in palese stato di alterazione che, invitato a sottoporsi al controllo proprio per l'uso di sostanze stupefacenti, si è rifiutato di sottoporsi agli esami in quanto dallo stesso ritenuti inutili, in quanto l'assunzione delle sostanze stupefacenti era avvenuta poco prima di mettersi alla guida. Il malcapitato, nonostante ampiamente avvisato della gravità delle sanzioni previste per il rifiuto di sottoporsi all'accertamento (le massime previste dal C.d.S.), ha voluto comunque che si procedesse così contro di lui. Sono state in tutto denunciate all’Autorità Giudiziaria 15 persone per la guida in stato di ebbrezza alcolica ai quali è stata contestata la violazione dell’art. 186, comma 2, lett. “b” (13 casi) e lett. “c” (2 casi) , C.d.S. e 1 persona per guida in stato di alterazione da sostanze stupefacenti ai sensi art.187 C.d.S.. Il tasso piu' alto raggiunto è stato di 2.50 mg/l, superando così di ben 5 volte il tasso massimo consentito!

Il malcapitato conducente avrebbe di sicuro evitato le pesanti conseguenze di cui all’art. 186, comma 2, lett. “c” (ammenda da 1.500 a 6.000 Euro, arresto da 6 mesi ad 1 anno, sospensione patente da 1 a 2 anni) se avesse adottato le accortezze di centinaia di persone, coetanei e non, che, terminata la serata all’Home Festival si sono presentati spontaneamente agli operatori della Stradale per essere sottoposti al precursore alcolimetrico prima di mettersi alla guida. Infatti, nella maggioranza dei casi, il precursore ha dato esito positivo ed i conducenti hanno evitato di mettersi alla guida, salvando patente, portafogli e soprattutto le proprie ed altrui vite. Centinaia infatti le persone che hanno chiesto un test con precursore prima di mettersi alla guida, creando addirittura code per l’attesa!! Per quanto concerne l’alterazione da sostanze stupefacenti i conducenti controllati e visitati dal medico della Polizia di Stato sono stati 8, di questi 3 sono risultati positivi, 1 ai cannabinoidi, 1 alla cocaina e il terzo ad entrambe le sostanze. Il medico che ha effettuato i test non ha riscontrato alterazione attiva nei citati soggetti, ma ciò non significa assenza di conseguenze! Infatti, se la presenza delle sostanze verrà confermata dal test di laboratorio, attesterà l’assunzione pregressa da parte del controllato e questo, verrà segnalato alla motorizzazione per la revisione straordinaria della patente di guida e per tutte le altre conseguenze previste dalla normativa vigente.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trovata in casa senza vita: albergatrice trevigiana muore a 63 anni

  • Schianto contro un camion, dichiarata la morte cerebrale del 17enne

  • Allarme rosso per il livello del Piave: ordinati gli sgomberi delle golene

  • Maltempo, sui social insulti contro i veneti alluvionati: «Ben vi sta»

  • La ghiacciaia: il bistrot realizzato in un bunker della Grande Guerra

  • Esplode una granata nel garage di casa, 19enne trasportato in ospedale

Torna su
TrevisoToday è in caricamento