Ingoia un ovulo di cocaina, ricoverato in ospedale e arrestato

Nella mattinata del 6 giugno un nigeriano di 24 anni, residente a Quinto di Treviso, ha chiesto l'intervento del Suem 118 per un malore. Dopo essersi liberato della sostanza è finito in manette

Sabato scorso aveva chiesto aiuto al 118 per un malore da cui era stato colpito. Le cause del malessere era molto chiaro: aveva ingoiato, per cause in corso di accertamento, un ovulo di cocaina. Il protagonista di questa vicenda è stato un cittadino nigeriano di 24 anni, residente a Quinto di Treviso. Lo straniero è stato arrestato dagli agenti della squadra mobile nel pomeriggio di ieri, 8 giugno, e in mattinata si è svolto il processo per direttissima nel corso del quale l'avvocato del 24enne ha chiesto e ottenuto i termini a difesa, la rimessa in libertà del giovane, sottoposto ad obbligo di dimora nel Comune di Treviso.

Dopo il ricovero in ospedale il personale medico del Ca' Foncello ha accertato che il 24enne aveva effettivamente ingurgitato un involucro, poi espulso con l'aiuto di alcuni lassativi, contenente 13,90 grammi di polvere bianca, purissima. Per questo motivo è scattato l'arresto in flagranza per detenzione di sostanze stupefacenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Zaia: «Zona arancione in Veneto durerà un paio di settimane»

  • Veneto zona arancione per un'altra settimana: «Penalizzati dall'ospedalizzazione»

  • Lascia un messaggio al bar: «Grazie, ho vinto quasi due milioni di euro»

  • Covid: l'intestino può essere responsabile della gravità e della risposta immunitaria

  • Dimagrire velocemente: che cos'è la dieta del riso

  • Gennaio 1985 la nevicata del secolo: il grande freddo a Treviso

Torna su
TrevisoToday è in caricamento