Cronaca

Assistenza domiciliare, firmato l'accordo tra Israa e Comune

Il vicesindaco Grigoletto: "Risulta di fondamentale importanza mettere a sistema le risorse presenti sul territorio, ed in particolare quelle degli enti pubblici che erogano servizi alla persona"

TREVISO Approvata questa mattina dalla Giunta comunale la delibera che dal 1 giugno prossimo avvierà la  collaborazione tra il Comune ed ISRAA per  il servizio di assistenza domiciliare ai cittadini residenti nel Comune di Treviso. L'atto approvato stamattina dall'Amministrazione comunale attua la deliberazione  n. 51 del 30.09.2016, con la quale  il Consiglio Comunale aveva definito le linee guida; venerdì prossimo approderà in Quarta commissione consiliare permanente e il 28 aprile in Consiglio comunlae.

Grande soddisfazione per l’Amministrazione comunale per un  accordo sicuramente innovativo: “Risulta di fondamentale importanza mettere a sistema le risorse presenti sul territorio, ed in particolare quelle degli enti pubblici che erogano servizi alla persona – sottolinea il Vicesindaco ed Assessore alle politiche sociali Roberto Grigoletto-  In questo modo si favoriscono non solo economie di scala in linea con i principi costituzionali di efficacia, efficienza e trasparenza della pubblica amministrazione, ma soprattutto si dà concretamente l’avvio ad un vero e proprio sistema integrato di interventi finalizzati al benessere della persona”.

Non si tratta del classico servizio di assistenza al domicilio di anziani e adulti; infatti, gli interventi di assistenza domiciliare innovativi che  con l’accordo si intendono promuovere mirano a:

 - attivare progetti di assistenza personalizzati;

 - stimolare il mantenimento, il potenziamento delle funzionalità necessarie alla vita autonoma nel proprio domicilio o negli alloggi di convivenza o nei servizi abitativi comunali, delle persone prese in carico;

- favorire il recupero di funzionalità e capacità latenti o parzialmente deteriorate necessarie alla vita quotidiana, sostenere ed aiutare la persona

impossibilitata per la perdita temporanea o permanente di tali capacità;

 - favorire l’approccio relazionale nei confronti della famiglia e sostenere le funzioni della famiglia nelle situazioni di svantaggio e/o di rischio;

- contenere ed evitare la cronicizzazione di situazioni di solitudine, emarginazione, disagio  e prevenire, dove possibile, gli inserimenti impropri nelle strutture sanitarie e residenziali nonché i ricoveri nei centri servizi o in altre strutture.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Assistenza domiciliare, firmato l'accordo tra Israa e Comune

TrevisoToday è in caricamento