Banda di ladri fermata nella notte, sequestrati attrezzi da scasso

Una Opel Astra fermata da una volante della polizia in viale Europa a Treviso. I passeggeri, tre ragazzi albanesi ed uno di origine kosovara, hanno tutti precedenti numerosi precedenti per furti

Il materiale sequestrato dalla polizia

Nella serata di ieri, nell’ambito dell’intensificazione dei controlli finalizzati al contrasto ai reati contro il patrimonio disposti dal Questore di Treviso, una volante, mentre transitava in viale Europa a Treviso, ha incrociato un’Opel Astra sospetta con quattro persone a bordo che percorreva il tratto stradale ad alta velocità in direzione di viale della Repubblica. I poliziotti hanno così intimato l’alt al veicolo, procedendo al controllo del conducente e degli altri passeggeri. I passeggeri, tre ragazzi albanesi ed uno di origine kosovara, tutti gravati da numerosi precedenti di polizia per reati contro il patrimonio, si sono immediatamente dimostrati poco collaborativi e riluttanti al controllo ed il veicolo, inoltre, è risultato non intestato a nessuno dei soggetti presenti sul luogo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Accompagnati in Questura per ulteriori controlli, i poliziotti hanno rinvenuto all’interno del veicolo numerosi cacciaviti, pinze, forbici, guanti, passamontagna ed altri attrezzi di cui i soggetti non hanno saputo giustificare la presenza. Uno di loro, inoltre, R.B., albanese di 20 anni con a carico numerosi precedenti di polizia per reati contro il patrimonio e già colpito dal provvedimento del divieto di ritorno dal Comune di Udine, asseritamente domiciliato a Milano, è risultato essere un abituale trasfertista tra l’Italia e l’Albania. Inoltre, a seguito di ulteriori accertamenti, è risultato che lo stesso non svolge alcuna professione lavorativa in Italia. Per questi motivi, il Questore di Treviso ha emesso nei suoi confronti il provvedimento del divieto di ritorno nel Comune di Treviso per 3 anni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cade nelle acque del Sile, fugge in treno e lo ritrovano a Bassano

  • Oliviero Toscani: «Chi vota Zaia forse è ubriaco, anche i veneti diventeranno civili»

  • Grandine e vento forte, il maltempo torna a colpire la Marca

  • Tragico schianto col furgone nella notte: 62enne muore a pochi metri da casa

  • Male incurabile, il sorriso di mamma Liliana si spegne a 47 anni

  • Distributore di bevande trovato morto nel suo camion

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento