Festa nel locale con 120 persone: blitz di polizia, polizia locale e carabinieri

Una folla all'interno del "Los Zapatas" in viale della Repubblica. Disposta la chiusura immediata del locale per cinque giorni. In arrivo pesanti sanzioni per la titolare, una dominicana di 35 anni

L'intervento presso il locale

Quindici persone all'esterno, in attesa di entrare, e ben 120 persone all'interno del locale, tutti ammassati, solo in parte seduti e senza rispettare il distanziamento e il numero massimo consentito di avventori ai tavoli. Sconcertante quanto hanno scoperto gli agenti della polizia, la polizia locale e i carabinieri durante un controllo svolto domenica pomeriggio al “Los Zapatas” in viale della Repubblica a Treviso. Alle forze dell'ordine era giunta una segnalazione di un consistente assembramento di persone e di musica ad alto volume presso il locale, già nei mesi scorsi al centro della cronaca. Giunti sul posto, gli operatori hanno constatato la totale noncuranza di avventori e della proprietaria del locale, una cittadina dominicana, trentacinquenne, a cui sono state elevate diverse violazioni amministrative (tra cui, l’aver consentito dopo le 15 la consumazione in piedi e non ai tavoli, il non aver rispettato il limite delle 4 persone sedute ai tavoli, etc.). E' stata disposta la chiusura immediata del locale per 5 giorni. Complessivamente nel corso dell’attività antiassembramento sono state controllati circa 50 persone e 20 locali pubblici.

Anche nell’ultimo fine settimana, al fine di contrastare l’emergenza pandemica, personale della Questura di Treviso, con pattuglie dei carabinieri, della Guardia di Finanza e della polizia locale, ha posto in essere un efficace servizio di ordine e sicurezza pubblica, monitorando in particolar modo il centro cittadino e i locali pubblici, al fine di impedire il formarsi di assembramenti pericolosi per la salute pubblica e garantire il rispetto della normativa vigente in materia di prevenzione al contagio da Covid-19. Nel corso di questa attività di controllo, alle ore 16.30 di sabato 29, il personale impiegato è intervenuto, unitamente alle pattuglie delle volanti, in via Martiri della Libertà, per segnalazione di una rissa tra giovani di origine cingalese. Sul posto gli operatori di polizia hanno appurato che i 5 giovani, dopo una discussione avvenuta per motivi sentimentali, sono passati alle vie di fatto, aggredendosi reciprocamente. Alcuni tra loro sono stati trovati in possesso di catene per commettere l’aggressione. Due dei cinque hanno avuto la peggio, riportando varie lievi ferite e sono stati pertanto trasportati al Pronto Soccorso. Al termine degli accertamenti di rito, i 5 stranieri sono stati denunciati per rissa aggravata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Zaia: «Zona arancione in Veneto durerà un paio di settimane»

  • Veneto zona arancione per un'altra settimana: «Penalizzati dall'ospedalizzazione»

  • Lascia un messaggio al bar: «Grazie, ho vinto quasi due milioni di euro»

  • Covid: l'intestino può essere responsabile della gravità e della risposta immunitaria

  • Il papà più bello d'Italia? Ha 34 anni, è trevigiano ed è gay

  • Dimagrire velocemente: che cos'è la dieta del riso

Torna su
TrevisoToday è in caricamento