rotate-mobile
Lunedì, 30 Gennaio 2023
Cronaca Centro / Via Roma

Corteo no vax in città: "onore e riconoscenza" ai medici reintegrati

Almeno in mille si sono radunati, attraverso il tam tam di Telegram, in via Roma e hanno sfilato lungo il Calmaggiore fino a piazza Indipendenza dove i partecipanti hanno appeso sulla "Teresona" uno striscione contro l'obbligo vaccinale

"Ai sanitari reintegrati onore e riconoscenza - Eroi della resistenza grazie". E' il testo dello striscione che ha accompagnato ieri sera, martedì 29 novembre, la manifestazione organizzata dai No vax trevigiani per innneggiare a medici e infermieri che sono stati reintegrati dopo essersi opposti alla vaccinazione contro il Covid-19. In mille hanno sfilato lungo le vie del centro storico con un corteo che è partito da via Roma ed è proseguito fino al Calmaggiore fino a piazza Indipendenza dove i partecipanti hanno appeso sulla "Teresona" lo striscione.

Il movimento antivaccinista è tornato dunque a manifestare dopo diversi mesi dall'ultima volta. Nelle ultime settimane alcuni vandali vicini al movimento sono tornati ad imbrattare gli istituti scolastici di Treviso (in particolare la scuola per geometri Palladio con scritte ed insulti nei confronti del sindaco Mario Conte, apostrofato come "nazista") e Paese (l'istituto comprensivo "Casteller" di Castagnole), con attacchi social anche nei confronti della sindaca, Katia Uberti. Altre scritte avevano colpito la Treviso-Ostiglia e alcuni muri di cinte nei pressi della sede dell'Uls 2 a villa Carisi.

manifestazionenovax

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Corteo no vax in città: "onore e riconoscenza" ai medici reintegrati

TrevisoToday è in caricamento