Metalmeccanici: mercoledì 13 luglio 4 ore di sciopero, sit-in a Unindustria

I segretari generali di Fiom Fim e Uilm: “Intensificare la mobilitazione per arrivare a un buon contratto che riconosca giusti diritti ed equo salario”

TREVISO Continua la mobilitazione dei metalmeccanici della Marca. Mercoledì 13 luglio in programma 4 ore di sciopero in uscita dai turni di lavoro e un presidio alle ore 10:00 di fronte alla sede di Unindustria in Piazza delle Istituzioni a Treviso. Anche alla luce della positiva adesione all’ultima tornata di scioperi territoriali e aziendali registrata nelle realtà industriali trevigiane, per le sigle di categoria FIOM CGIL, FIM CISL e UILM UIL, contro le posizioni di Federmeccanica e Assistal e per un buon contratto collettivo nazionale, che riconosca salario e diritti dei lavoratori, “si vede indispensabile dare continuità alle iniziative di protesta e far crescere e intensificare ulteriormente la mobilitazione a sostegno del rinnovo contrattuale - spiegano i segretari generali Enrico Botter (FIOM CGIL), Antonio Bianchin (FIM CISL) e Stefano Bragagnolo (UILM UIL) -. Per questa ragione, oltre al blocco degli straordinari e della flessibilità, i 50mila lavoratori e lavoratrici trevigiani del comparto incroceranno le braccia ancora una volta mercoledì 13 luglio per 4 ore di sciopero in uscita da tutti i turni di lavoro”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Inoltre - aggiungono i segretari generali - alle ore 10:00 della stessa giornata è in programma un presidio di fronte alla sede degli industriali della Marca, al fine di sensibilizzare le realtà locali sulla necessità di procedere a un vero negoziato per realizzare un buon contratto nazionale che garantisca il potere d’acquisto del salario per tutti i metalmeccanici, qualifichi le relazioni industriali, estenda la contrattazione di secondo livello su tutti gli aspetti che compongono la prestazione lavorativa, migliori l'organizzazione e le condizioni di lavoro, introduca per tutti nuovi diritti di formazione, welfare, partecipazione e valorizzazione delle professionalità e tuteli tutte le forme di lavoro e l’occupazione. E, infine - concludono Botter, Bianchin e Bragagnolo - faccia ripartire gli investimenti e rilanci una vera politica industriale: questo è il rinnovamento che vogliamo e di cui c’è bisogno”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Smart contro un camion: muore 32enne, l'amica alla guida non aveva la patente

  • Azienda trevigiana investe 2mila euro a dipendente per corsi e viaggi all'estero

  • Superenalotto, doppia vincita nel weekend in provincia di Treviso

  • Con lo scooter contro un'auto, muore noto albergatore jesolano

  • Monfumo, Cornuda e Pederobba: raffica di allagamenti, strade come fiumi

  • Una folla commossa per dare l'ultimo saluto al piccolo Tommaso

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento