Cronaca

Il presepe vivente di Treviso? Per gli animalisti è un "fenomeno da baraccone"

L'attacco dell'Oipa: "Inseriti in un contesto sicuramente per loro non congeniale, quanto meno naturale, dei poveri animali che sono stati oggetto di continue ed estenuanti attenzioni da parte dei passanti per l’intera giornata"

TREVISO "Nobile è il gesto di voler organizzare un evento con la presenza di un presepe a simboleggiare il significato del Natale e altrettanto nobile il voler dare spazio a iniziative di carattere sociale -si legge nel profilo Facebook di Oipa Treviso- Risulta invece fuori luogo ridurre il fenomeno da baraccone cercando di inserire in un contesto sicuramente per loro non congeniale, quanto meno naturale, dei poveri animali che sono stati oggetto di continue ed estenuanti attenzioni da parte dei passanti per l’intera giornata. In una società come la nostra, ormai propensa alla perdita dei veri valori è bene che le tradizioni rimangano vive e vengano tramandate al fine di arricchire quel bagaglio culturale ormai perso nel tempo. Non dimentichiamo però che i veri valori comprendono, oltre che la dedizione e la propensione all'aiuto degli altri, anche un’osservanza e rispetto per le vite altrui anche qualora siano queste vite animali. Cerchiamo un’alternativa tanto allettante quanto rispettosa. Buon Natale cari amici animali, a tutti, di qualsiasi specie, di qualsiasi area geografica, di terra, cielo e mare, domestici e selvatici, d’affezione e da “reddito” … Buon Natale anche a voi umani, gentili o meno, affinché lo possiate diventare; tolleranti o meno, affinché lo possiate capire".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il presepe vivente di Treviso? Per gli animalisti è un "fenomeno da baraccone"

TrevisoToday è in caricamento