Solo nove agenti nell'organico della polfer di Treviso: scatta l'interrogazione parlamentare

A presentarla alla Camera la parlamentare del Pd Simonetta Rubinato e sottoscritta anche dalla collega trevigiana Floriana Casellato

TREVISO La carenza di organico della Polizia ferroviaria di Treviso è oggetto di un’interrogazione parlamentare presentata oggi alla Camera dalla parlamentare del Pd Simonetta Rubinato e sottoscritta anche dalla collega trevigiana Floriana Casellato. Secondo i dati forniti dal Siulp di Treviso, la pianta organica della sottosezione Polfer del capoluogo prevedeva inizialmente 36 unità, poi ridotte a 23; attualmente in organico ci sono solo 9 unità. Contestualmente alla riduzione dell’organico sono invece cresciuti i compiti a cui sono chiamati gli agenti in servizio, a partire dai chilometri di tratta ferroviaria da controllare, nonché in materia di prevenzione e vigilanza anche in relazione al rischio terrorismo. Così – sempre secondo il Siulp - per il personale è diventato molto complesso garantire una capillare presenta sul territorio h 24 e, nonostante l’abnegazione e lo spirito di servizio degli agenti operativi, risulta assai complicato garantire presenze complete sui turni pomeridiani e ancor di più serali e notturni. 

“Con l’interrogazione – spiegano - chiediamo al ministro Minniti di assumere le iniziative necessarie ad adeguare il numero del personale in servizio a quanto previsto dalla pianta organica, tenuto conto che la sottosezione Polfer di Treviso serve un territorio che comprende la stazione ferroviaria del capoluogo, che collega il locale aeroporto con oltre 2 milioni di passeggeri l’anno e con 6 milioni di utenti annuali su rotaia su una rete in cui sono presenti altre stazioni di una significativa dimensione come Oderzo, Preganziol e Montebelluna. Senza dimenticare che, trovandosi al centro della città di Treviso, l’ufficio della Polfer è punto di riferimento per la cittadinanza”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le due parlamentari trevigiane nei giorni scorsi avevano presentato anche un’interrogazione riguardante la Polizia postale di Treviso che, secondo il piano di riorganizzazione dei presidi territoriali della Pubblica sicurezza, pare destinato alla chiusura. “In un momento in cui i reati informatici e nuovi fenomeni, come “Blue Whale”, imperversano in rete, crediamo si debba fare tutto il possibile per garantire la presenza sul territorio di un servizio altamente qualificato”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Smart contro un camion: muore 32enne, l'amica alla guida non aveva la patente

  • Azienda trevigiana investe 2mila euro a dipendente per corsi e viaggi all'estero

  • Schianto sulla Pontebbana, gioielli e arnesi da scasso nella Smart

  • Con lo scooter contro un'auto, muore noto albergatore jesolano

  • Monfumo, Cornuda e Pederobba: raffica di allagamenti, strade come fiumi

  • Malore improvviso, 40enne ricoverato in elisoccorso: è gravissimo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento