menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Un giocatore alla slot

Un giocatore alla slot

Slot machine accese fuori orario, sei locali trevigiani multati dalla polizia

Negli ultimi due mesi sono stati 15 gli esercizi pubblici controllati dagli agenti della sezione amministrativa della Questura. A Conegliano diffidato il "Juliocam trust mini African" per degrado e continui interventi delle volanti

Controlli straordinari degli agenti della sezione amministrativa e sociale della Questura di Treviso, negli ultimi due mesi, nei confronti di 15 esercizi pubblici in cui sono presenti slot machine. Per alcuni sono scattate contestazione di violazioni di natura amministrativa nei confronti di alcuni esercizi di Treviso. Le violazioni, per un ammontare complessivo di circa 3mila euro, sono state rilevate in 6 distinti esercizi tra sale pubbliche da gioco e bar, hanno riguardato principalmente l’inosservanza delle disposizioni stabilite dall’ordinanza del sindaco di Treviso, Mario Conte, che vieta l’accensione ed il gioco delle apparecchiature denominate “New Slot” e “Video Lottery Terminal” al di fuori delle fasce orarie consentite. In due casi specifici è stata riscontrata la recidività annuale del trasgressore che sarà punita con la sospensione dell’attività da gioco da 1 a 7 giorni. Seguiranno altre iniziative simili nei confronti di altri esercizi pubblici del settore.

Il provvedimento dell'ammonimento da parte della Questura è scattato nei confronti del titolare di un negozio alimentare etnico-senegalese, il “Juliocam trust mini African” di Conegliano dove, nel corso dell’anno, diverse pattuglie della polizia sono state costrette ad intervenire a causa di situazioni di degrado, disturbo e mala gestione dell’esercizio che ha causato un notevole malumore e disagio del vicinato. Le irregolarità rilevate hanno portato a sanzioni amministrative per irregolarità di carattere sanitario nei confronti dell’esercizio. L’atto di diffida, notificato dalla Questura direttamente al titolare del negozio alimentare, è stato necessario quale “ultimo avvertimento” affinchè egli osservi, rigorosamente, tutte le prescrizioni di legge in materia sanitaria e le vigenti normative di ordine e di sicurezza pubblica. «Qualora dovessero ripetersi le situazioni illecite accertate -si legge in un comunicato emesso oggi- il Questore valuterà l’adozione di immediati e più restrittivi provvedimenti sino alla chiusura dell’attività per motivi di ordine pubblico».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Casa

Ammoniaca vs Candeggina: chi uccide meglio i germi?

Attualità

Roncade: messo in vendita il centro commerciale Arsenale

Attualità

Covid alle superiori: «Metà dei contagi non è avvenuta a scuola»

Attualità

Scuola elementare "Ancillotto": «In isolamento tutte le classi»

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Raid nella notte, negozio islamico dato alla fiamme

  • Incidenti stradali

    Ciclista 45enne travolto e ucciso nella notte

  • Cronaca

    Investivano in scommesse e slot i soldi guadagnati con le truffe on line

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento