Prezzi raddoppiati per caffè, omogenizzati, verdure: supermercati trevigiani nel mirino

Molte le anomalie emerse nel corso dei controlli svolti dagli agenti del nucleo commerciale della polizia locale di Treviso. Saranno acquisite le fatture degli acquisti all'ingrosso dei prodotti. In caso di aumento ingiustificato dei prezzi, le società titolari saranno segnalate

Un agente in borghese in un market

Il pool "controllo prezzi" del Comando di Polizia Locale di Treviso sta fornendo dati molto interessanti sull'andamento dei prezzi riscontrando differenze notevoli sullo stesso prodotto tra un supermercato e l'altro. Gli agenti del nucleo commerciale ha proceduto, a partire dall'8 aprile, a registrare i prezzi dei prodotti più comuni, formando una sorta di paniere.

«Come dimostra la tabella dei controlli lo stesso prodotto subisce notevoli rincari: il caffè in un punto vendita è stato venduto a 6,80 euro e in un altro a 12,40 -afferma il comandante Gallo- Oppure omogeneizzati da 4,90 euro a 10,16 euro o le zucchine da 1,19 a 2,99. A fronte di differenze così marcate gli agenti del pool controllo prezzi stanno chiedendo ai supermercati le fatture di acquisto per confrontate il prezzo di acquisto all'ingrosso rispetto a quello proposto al consumatore finale». In caso di aumento ingiustificato dei prezzi, le società titolari saranno segnalate. «Qualora si possa ravvisare una speculazione sui prezzi finali -sottolinea Gallo- partirà una segnalazione all'autorità garante sulla concorrenza che potrà elevare sanzioni a carico delle società che gestiscono i supermercati che offrono prodotti con questi rincari, qualora risultassero non giustificati».

ggggr-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per quanto riguarda i prezzi dei prodotti legati al Coronavirus come guanti monouso e disinfettante, anche in questo caso i prezzi hanno visto differenze importanti. In un caso il disinfettante è stato venduto a 6,76 euro mentre lo stesso prodotto era in vendita altrove a 1,65. I guanti erano venduti a 2,80 mentre il prezzo più alto rilevato è stato di 5,69 euro. Il controllo dei prezzi continuerà anche nelle prossime settimane con una verifica puntuale del paniere pensato dalla polizia locale di Treviso: «Ma non è detto che potranno essere aggiunti altri prodotti -chiude Gallo- Dobbiamo in ogni caso precisare che la maggioranza dei supermercati applica prezzi similari senza pesanti rincari o differenze. Stiamo approfondendo solo i casi limite».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cade nelle acque del Sile, fugge in treno e lo ritrovano a Bassano

  • Oliviero Toscani: «Chi vota Zaia forse è ubriaco, anche i veneti diventeranno civili»

  • Grandine e vento forte, il maltempo torna a colpire la Marca

  • Tragedia di Merlengo, il 26enne aveva bevuto: indagato per omicidio stradale

  • Tragico schianto col furgone nella notte: 62enne muore a pochi metri da casa

  • Distributore di bevande trovato morto nel suo camion

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento