Lunedì, 18 Ottobre 2021
Cronaca Centro

Aggressione durante il gay pride, assolti tre esponenti dell'estrema destra

Di fronte al giudice per il presunto pestaggio di Simone Carnielli erano finiti Riccardo Ongaro, 27 anni, Alberto Gatto, 36 anni, e Rahil Sozza, 27 anni

Tutti assolti i tre militanti dell'estrema destra trevigiana finiti a processo con l'accusa di minaccia in relazione al presunto pestaggio, avvenuto nel giugno del 2016, di Simone Carnielli, l’organizzatore del Treviso Pride, che aveva denunciato di essere stato  accerchiato, rincorso e poi picchiato  al termine della manifestazione in piazzale Burchiellati.

Si tratta di Riccardo Ongaro, 27 anni difeso dall’avvocato Andrea Zambon e già noto per un’inchiesta della Squadra Mobile legata al mefedrone, Alberto Gatto, 36 anni difeso dall’avvocato Marco Furlan, e Rahil Sozza, 27 anni difeso dall’avvocato Elisa Davanzo. A trascinarli davanti al giudice erano state le riprese delle telecamere di piazzale Burchiellati, acquisite dalla polizia, che immortalano un gruppo di una quindicina di giovani che arrivano dal centro e a piedi vanno verso porta San Tomaso. Ad un certo punto si fermano, accerchiano uno degli organizzatori del Treviso Pride, lo spingono e poi lo rincorrono. A confermare quella dinamica ci sarebbero state anche le testimonianze di chi ha assistito all'aggressione. In origine i tre erano sati accusati di lesioni e minacce ma per il primo capo di imputazione il Tribunale, non essendo presenti aggravanti e trattandosi di lesioni lievi, aveva rispedito il fascicolo per competenza al giudice di pace, trattenendo solo la parte relativa alle minacce.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aggressione durante il gay pride, assolti tre esponenti dell'estrema destra

TrevisoToday è in caricamento