Rapinano uno straniero in bici, banditi arrestati dalla polizia

In cella un italo-colombiano di 27 anni ed un casertano 23enne. Alla 5 del mattino di domenica, in via Castellana a Treviso, hanno fermato un nigeriano e dopo avergli puntato contro una pistola si sono fatti consegnare il portafogli e il resto dei suoi averi

Fondamentale è stato l'intervento della polizia

Hanno fermato un giovane nigeriano che stava percorrendo in bicicletta via Castellana, a Treviso, e si stava recando a lavoro: dopo avergli puntato contro una pistola giocattolo, lo hanno rapinato del portafogli e del poco altro che teneva in tasca. L'episodio, avvenuto alle 5 di domenica mattina, ha visto la risposta molto rapida ed efficace degli agenti della squadra mobile e delle volanti della polizia che nell'arco di alcune ore hanno identificato e arrestato i malviventi che si sono resi responsabili di questo episodio. A finire in manette per il reato di rapina aggravata due pregiudicati, Gabriele Covolan, italo-colombiano di 27 anni, residente a Pederobba, e Nicola Affinita, casertano 23enne, domiciliato a San Biagio di Callalta. Entrambi, su disposizione del tribunale di Treviso, si trovano attualmente agli arresti domiciliari.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I malviventi viaggiavano a bordo di una Fiat Punto di colore nero. La vittima della rapina, minacciato dai malviventi con una pistola (una replica in metallo priva del tappo rosso), si è visto costretto ad assecondare le richieste dei due che si sono poi dati alla fuga in direzione Treviso. Lo straniero, ovviamente scosso per l'accaduto, è riuscito comunque a dare una descrizione completa ed esaustiva dei due giovani, tanto delle loro caratteristiche fisiche quanto del loro abbigliamento, fornendo anche il numero di targa della vettura utilizzata dai criminali. Uno dei due banditi è stato individuato quasi subito ed è stato sottoposto a perquisizione domiciliare. Grazie ai successivi accertamenti è stato possibile risalire all’identità del secondo malfattore, presso il cui domicilio personale è stata rinvenuta l’arma giocattolo utilizzata per la rapina.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cade nelle acque del Sile, fugge in treno e lo ritrovano a Bassano

  • Oliviero Toscani: «Chi vota Zaia forse è ubriaco, anche i veneti diventeranno civili»

  • Grandine e vento forte, il maltempo torna a colpire la Marca

  • Tragedia di Merlengo, il 26enne aveva bevuto: indagato per omicidio stradale

  • Tragico schianto col furgone nella notte: 62enne muore a pochi metri da casa

  • Distributore di bevande trovato morto nel suo camion

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento