Sfruttamento della prostituzione, arrestato a Preganziol un 32 anni

L'uomo, ungherese ed "imprenditore del sesso", ricercato dalla polizia di Rimini, voleva spostare il suo business sul Terraglio: si nascondeva in un albergo della zona

PREGANZIOL Voleva allargare i suoi affari, legati alla prostituzione, anche nella Marca ed in particolare sul Terraglio. La squadra catturandi della Questura di Treviso ha stoppato sul nascere le sue intenzioni, arrestandolo in un albergo di Preganziol dove si nascondeva. A finire in manette un ungherese di 32 anni che era latitante da quasi tre anni: a suo carico pendeva, dall'ottobre 2014, un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip del Tribunale di Rimini. Lo straniero è indagato con altri connazionali già finiti dietro le sbarre, per sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione nell’ambito dell’indagine denominata “Magyar”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il personale della squadra catturandi della Questura di Treviso era sulle tracce del latitante già da tempo. Le indagini hanno condotto gli investigatori nella zona di Preganziol dove l’uomo si nascondeva all’interno di un albergo. Lo stesso aveva raggiunto questa provincia per intraprendere attività di sfruttamento della prostituzione nella zona del Terraglio. Gli appostamenti condotti durante la notte in zona Terraglio hanno permesso di identificare con certezza lo straniero che, durante i suoi movimenti notturni, è stato intercettato e arrestato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' morto Tommaso, il bimbo di Dosson schiacciato da un cancello

  • Superenalotto, doppia vincita nel weekend in provincia di Treviso

  • Coronavirus, Zaia: «In Veneto misure prorogate fino al 15 ottobre»

  • Monfumo, Cornuda e Pederobba: raffica di allagamenti, strade come fiumi

  • Maltempo, albero cade e travolge un'auto: vigilante ferito

  • Coronavirus, Zaia: «Gli immigrati della Serena devono tornare a casa loro»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento