Raid incendiario alla discoteca Radika nella notte, indaga la polizia

Alcuni ignoti malviventi, con il volto travisato, sono entrati all'interno del locale e hanno sparso benzina nella sala, appiccando l'incendio. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco di Treviso. I danni sono stati limitati

L'esterno della discoteca (Foto di Antonio Iorio)

Inquietante gesto intimidatorio quello che è avvenuto nella notte scorsa all'interno della discoteca Radika, in zona Fonderia a Treviso. Alcuni ignoti malviventi, con il volto travisato, sono penetrati all'interno del locale scassinando una porta d'ingresso e hanno sparso benzina nella sala, appiccando poi un incendio nella zona adibita alla distribuzione delle bevande.

WhatsApp Image 2019-01-08 at 10.07.55 (1)-2

L'allarme è immediatamente scattato poco dopo l'una di notte. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco di Treviso che hanno circoscritto le fiamme e gli agenti delle volanti della polizia. I danni al locale, di proprietà dell'imprenditore padovano Alex Visentin, sono stati fortunatamente limitati. Sull'episodio indagano ora gli investigatori della squadra mobile di Treviso. Al setaccio le telecamere di videosorveglianza presenti in zona. Attualmente il locale è stato posto sotto sequestro e a disposizione della Procura di Treviso.

Potrebbe interessarti

  • Malattia incurabile: il sorriso di Antonella si spegne a 50 anni

  • Crisi cardiaca alla festa di nozze: bimbo di un mese perde la vita

  • Malattia incurabile: papà trevigiano muore a soli 38 anni

  • Malattia incurabile: morto il titolare della pizzeria "Da Gennaro"

I più letti della settimana

  • Spaventoso rogo in una autodemolizione, a Fiera torna l'incubo

  • Prostitute a casa dei clienti, 200 euro a prestazione: tra le squillo anche una minorenne

  • Carambola tra cinque auto e un camion sulla Feltrina, quattro feriti

  • Crisi cardiaca alla festa di nozze: bimbo di un mese perde la vita

  • Malattia incurabile: papà trevigiano muore a soli 38 anni

  • L'addio a "Pina", il marito: «Farò di tutto perché sia fatta giustizia»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento